Evan Rachel Wood accusata di diffamazione da Marilyn Manson. L’attrice replica: “Non ho paura, sono fiduciosa, la verità verrà fuori”

Evan Rachel Wood è stata accusata di diffamazione da Marylin Manson dopo averlo denunciato per abusi: la replica dell’attrice

Evan Rachel Wood, qualche mese fa, ha denunciato pubblicamente Marilyn Manson. Con un lungo post sui social, l’attrice e modella aveva rivelato gli abusi dei quali sarebbe stata vittima, anni prima.

Il nome del mio aggressore è Brian Warner, conosciuto nel mondo anche come Marilyn Manson. Ha iniziato a prendersi cura di me quando ero adolescente e mi ha abusato in modo orribile per anni. Sono stata sottoposta al lavaggio del cervello e manipolata fino alla sottomissione. Ho smesso di vivere nella paura di ritorsioni, calunnie o ricatti. Sono qui per smascherare quest’uomo pericoloso e chiamare a raccolta le molte industrie che glielo hanno permesso, prima che rovini altre vite. Sono con le tante vittime che non staranno più zitte

Nelle settimane scorse, è emersa, invece, la notizia della denuncia di diffamazione da parte del rocker, nei confronti dell’ex fidanzata. Il cantante avrebbe negato ogni accusa.

Ospite a The View, Evan Rachel Wood ha commentato la mossa del suo ex compagno:

“Ovviamente non posso parlare di nessuna delle accuse specifiche che riguardano la causa, ma non ho paura. Sono triste, perché è così che funziona. Questo è ciò che accade praticamente ad ogni sopravvissuto che cerca di smascherare qualcuno in una posizione di potere, e questo fa parte della rappresaglia che mantiene i sopravvissuti silenziosi e tranquillo. Questo è il motivo per cui le persone non vogliono farsi avanti. Tutto quanto era previsto“.

L’attrice ha poi continuato:

Sono molto fiduciosa di avere la verità dalla mia parte e che la verità verrà fuori. Questo è chiaramente in piena tempistica prima dell’uscita del documentario… Non sto facendo questo [film] per riabilitare il mio nome. Lo sto facendo per proteggere le persone. Lo sto facendo per dare l’allarme che c’è una persona pericolosa là fuori e non voglio che nessuno si avvicini a lui. Così le persone possono pensare quello che vogliono di me. Devo lasciare che il processo legale faccia il suo corso e sono stabile come una roccia”.

Il commento arriva prima del debutto su HBO Max del suo documentario in due parti Phoenix Rising, in cui descrive alcuni dei presunti abusi che ha subito durante la sua relazione con il rocker.

Nel documentario, ha rivelato di essere stata violentata davanti alla telecamera durante le riprese di uno dei video musicali e di come il cantante “si sia rifiutato di indossare il preservativo”.