Evan Rachel Wood accusa Marilyn Manson di averla violentata, davanti alla telecamera, durante le riprese di un video

Evan Rachel Wood, nel suo documentario,, accusa Marilyn Manson di averla violentata nelle riprese del video ufficiale di Heart-Shaped Glasses

A qualche mese di distanza dalla denuncia pubblica nei confronti di Marilyn Manson, Evan Rachel Wood ha raccontato di essere stata “sostanzialmente violentata davanti alla telecamera’ da Marilyn Manson, nella prima parte di Phoenix Rising, il nuovo documentario della Wood presentato in anteprima domenica sera al Sundance Film Festival.

La pellicola descrive in dettaglio la sua relazione con il rocker, accusato dalla Wood di aver “abusato in modo orribile” di lei per anni dal 2006 al 2011 (“quando sono scappata per l’ultima volta”, dice nel film).

Secondo quanto raccontato e dichiarato dall’attrice, il set dell’accaduto sarebbe stato quello per il videoclip di “Heart-Shaped Glasses“, tratto dall’album ‘Eat me, Drink me’. In quella clip, Evan Rachel Wood indossava un paio di occhiali a forma di cuore, come nel celebre poster di Lolita, il film di Stanley Kubrick del 1962 basato sulla storia di Vladimir Nabokov su un uomo che si innamora di una ragazza minorenne. Nel video si vede proprio l’attrice mentre fa sesso con Manson (il cui vero nome è Brian Warner) e del sangue finto piove sul duo.

“Non fu niente di come pensavo sarebbe stato. Stavamo facendo cose che non erano quelle che mi erano state proposte. Avevamo discusso di una scena di sesso simulata, ma una volta che le telecamere sono state accese, ha iniziato a penetrarmi per davvero. Non l’avevo mai accettato… Era un caos completo. Non mi sentivo al sicuro. Nessuno si prendeva cura di me. È stata un’esperienza davvero traumatizzante girare il video. Non sapevo come difendere me stessa o come dire di no perché ero stata condizionata e addestrata a non rispondere mai, a resistere. Mi sentivo disgustata, avevo fatto qualcosa di vergognoso e potevo dire che l’equipaggio era a disagio e nessuno sapeva cosa fare. Sono stata costretta a compiere un atto sessuale commerciale con false premesse. Fu allora che fu commesso il primo crimine contro di me. Sono stata sostanzialmente violentata davanti alla telecamera”

Sempre nel documentario dove racconta quegli anni terribili, Evan Rachel Wood aggiunge:

“Dovevo dire alla gente che abbiamo passato questo periodo fantastico e romantico e niente di tutto ciò era la verità. Ma avevo paura di fare qualsiasi cosa che potesse turbare Brian (Manson) in qualche modo. Il video è stato solo l’inizio della violenza che si sarebbe intensificata nel corso della relazione