Centro di gravità permanente, Franco Battiato: la canzone dall’album “La voce del padrone”

Franco Battiato, Centro di gravità permanente: testo e significato della canzone. Di cosa parla il brano, ascolta il pezzo

Insieme a La cura, Centro di gravità permanente è un altro grande successo di Franco Battiato che rimarrà nella storia della musica italiana. La scomparsa del cantautore (con l’addio e le esequie private svoltesi oggi) ha riportato alla memoria alcuni pezzi della sua carriera che resteranno nella storia e simboli dei grandi classici. Il brano fa parte del disco “La voce del padrone”, pubblicato nel 1981 e che superò, ai tempi, il milione di copie vendute in Italia rimanendo al primo posto della classifica per ben 18 settimane non consecutive. Tra gli altri pezzi presenti anche Bandiera bianca e Cuccurucucù.

Centro di gravità permanente è una sorta di inno, di racconto -da parte di Franco Battiato- della sua sensazione di smarrimento con un testo che, insieme ad immagini e riferimenti efficaci, è diventato un vero successo immediato, sia radiofonico che popolare. Il testo prende ispirazione anche dal filosofo Georges Ivanovič Gurdjieff che -letteralmente- aveva lo scopo ultimo della coscienza, del “risveglio”, favorendo il superamento degli automatismi psicologici.

Qui sotto potete ascoltare la canzone, a seguire il testo di Centro di gravità permanente di Franco Battiato:

 

[Strofa 1]
Una vecchia bretone
Con un cappello e un ombrello di carta di riso e canna di bambù
Capitani coraggiosi
Furbi contrabbandieri macedoni
Gesuiti euclidei
Vestiti come dei bonzi per entrare a corte degli imperatori
Della dinastia dei Ming

[Ritornello: Franco Battiato & Madrigalisti di Milano]
Cerco un centro di gravità permanente
Che non mi faccia mai cambiare idea sulle cose e sulla gente
Avrei bisogno di…
Cerco un centro di gravità permanente
Che non mi faccia mai cambiare idea sulle cose e sulla gente
Over and over again

[Strofa 2]
Per le strade di Pechino erano giorni di maggio
Tra noi si scherzava a raccogliere ortiche
Non sopporto i cori russi
La musica finto-rock, la new wave italiana, il free jazz punk inglese
Neanche la nera africana

[Ritornello: Franco Battiato & Madrigalisti di Milano]
Cerco un centro di gravità permanente
Che non mi faccia mai cambiare idea sulle cose e sulla gente
Avrei bisogno di…
Cerco un centro di gravità permanente
Che non mi faccia mai cambiare idea sulle cose e sulla gente
Over and over again

[Outro]
Uh… uacciu uari uari, uacciu uari uari
You are a woman in love
Baby I need your love
I want your love
Over and over again
Come in into my life
Baby, I want to give you my soul
Baby, I need your love
I need..

I Video di Soundsblog