X caso, Geolier feat. Sfera Ebbasta: ascolta la canzone e leggi il testo

Geolier feat Sfera Ebbasta, X Caso: testo e significato della canzone. Ascolta il brano tratto da “Il coraggio dei bambini”

X Caso è una canzone presente nel nuovo disco di Geolier, Il coraggio dei bambini, disponibile da venerdì 6 gennaio 2023. La canzone vede il featuring di Sfera Ebbasta. “Il Coraggio dei Bambini” non è solo il titolo del secondo progetto discografico di Geolier – già disponibile in pre-order, pre-save e pre-add, ma è anche il modo in cui ha vissuto quello che la vita gli ha messo davanti in questi anni, affrontando tutto come solo i bambini sanno fare: sono senza filtri, hanno paura delle cose, ma ci provano sempre lo stesso a ottenerle. Per il rapper il coraggio dei bambini, la verità stampata sulle loro facce, è un’immagine universale che non ha confini: da Napoli a New York. Qui sotto potete ascoltare la canzone e leggere il testo. Attualmente il pezzo è in vetta ai brani di maggior tendenza su YouTube.

X caso, Ascolta la canzone, leggi il significato

Potete ascoltare, a seguire, in streaming “X Caso” il brano di Geolier e Sfera Ebbasta. Cliccando qui, invece, il visual video.

Nella canzone, sia Geolier che Sfera Ebbasta parlano di una relazione che si è conclusa, per entrambi, nel passato. Per le loro donne hanno fatto di tutto e oggi, nonostante pensino ancora a loro, non possono promettere di più. Ma gli interrogativi su quello che sarebbe stato, continuano ad emergere (“Non so più cosa fai da sola senza me, Guardo il telefono e aspetto solo che chiami te”)

Geolier feat. Sfera Ebbasta, X caso, Testo canzone

Eramo dduje ca nn’se sapevano
Mo simmo dduje ca se sapevano
Tutte ‘sti brillante ca m’accecano
Tutte ‘sti rimpiante nun m’atterrano
Diciste ca, si era pe sempe, l’eramo decidere nuje
No nu sì annanz’a nu preveto
Pecché n’aniello nun ce lega
‘Int’ô core me se sente l’eco
Forse è na vita ca nn’credo a nisciuno
‘A quanno tu m’hê ditto cchiù ‘e na bucia
‘Int’a n’ata vita te cerco ‘o stesso
Accide ‘a stessa perzona ‘o stesso fucile
Nuje ce lamentammo ‘e nuje stesse
Po nn’putimme fá a meno ‘e nuje stesse
I’ voglio bbene cchiù a te che a me stesso

Ce cunuscettemo pe caso, tu ire bella, troppo
Faceva friddo e te dette ‘o giubbino mio Vuitton
Me diste ‘a mano e camminajemo pe dduje metre
Po ce fermajemo, ce vasajemo senza sentí ‘o gelo

Non so più cosa fai da sola senza me
Guardo il telefono e aspetto solo che chiami te
Scusami, ma non posso darti più di questo, babe
Perché ti ho dato tutto e ora non mi è rimasto niente

Io e te, tu e io, è la solita storia di sempre
Tu che fai l’incazzata per tutto il giorno
Ti chiedo: “Cos’è?”, ma mi rispondi: “Niente”
Ed è un casino a volte
Non so proprio che cosa c’hai in mente
Vengo da dove non credono all’amore
Vengo da dove non credono al “Per sempre”
Chissà se tu staresti con me (Con me)
Anche senza cash (Oh no) o suite in hotel (Oh no)
Se al mio collo non brillassero VVS (Eh-eh-eh-eh)
E tornassi in quartiere (Eh-eh-eh-eh) tra quelle sirene
Baby, non sto bene se te ne vai via (Se te ne vai via)
Dimmi se senti anche tu la nostalgia (La nostalgia)
Non mi basterà fumare per dormire (Oh no)
Se ripenso a quando eri davvero mia
Eh, eh, eh

Ce cunuscettemo pe caso, tu ire bella, troppo
Faceva friddo e te dette ‘o giubbino mio Vuitton
Me diste ‘a mano e camminajemo pe dduje metre
Po ce fermajemo, ce vasajemo senza sentí ‘o gelo

Nun saccio cchiù che faje sola senza ‘e me
Guarde ‘o telefono aspettanno ca chiamo i’ a te
Scusame si nun te saccio dá cchiù assaje
Ma aggio dato a te ogni cosa ‘a nn’tenere cchiù niente

Non so più cosa fai da sola senza me
Guardo il telefono e aspetto solo che chiami te
Scusami, ma non posso darti più di questo, babe
Perché ti ho dato tutto e ora non mi è rimasto niente