Un Autunno Fa: il nuovo singolo di Giordana Angi (Testo e Video)

Un Autunno Fa è il nuovo singolo di Giordana Angi, prima anticipazione del nuovo album, dal titolo Questa fragile bellezza.

Un Autunno Fa è il nuovo singolo di Giordana Angi, disponibile dal 21 settembre 2022, prima anticipazione del nuovo album della cantautrice italo-francese, lanciata da Amici di Maria De Filippi, dal titolo Questa fragile bellezza.

Il terzo album ufficiale di Giordana Angi (da considerare, anche l’EP Casa, pubblicato nel 2019) sarà disponibile a partire dal prossimo 28 ottobre e arriva a circa un anno e mezzo di distanza dal precedente lavoro, Mi muovo, a cui era legato anche un documentario dal titolo Mi muovo: la storia, ancora disponibile su YouTube.

Per quanto riguarda l’attività live, la cantautrice si esibirà a Roma e a Milano a dicembre, precisamente il 10 dicembre all’Apollo Milano di Milano e il 12 dicembre all’Alcazar Live di Roma. I biglietti saranno disponibili online da lunedì 26 settembre 2022, dalle ore 12, e in tutti i punti vendita autorizzati da sabato 1° ottobre 2022, sempre dalle ore 12.

Giordana Angi – Un Autunno Fa: significato canzone

Il testo della canzone parla di un amore finito, che viene ricordato con nostalgia e rimpianti, in particolare di un sentimento non ricambiato e dell’incapacità di andare avanti con la propria vita.

Nel testo, è presente anche una citazione di Rimmel di Francesco De Gregori.

Giordana Angi – Un Autunno Fa: ascolta la canzone

Clicca qui per ascoltare il nuovo singolo e per vedere il video ufficiale.

Giordana Angi – Un Autunno Fa: testo

Non voglio niente, solo respirare
Dimenticare di pensare
A un altro giorno, deve cominciare
Anche se non ne sentirei il bisogno
Le tre di notte senza un motivo, un motivo
E poi mi incazzo che non ho dormito, non ho dormito
Come quelle notti sulle scale a raccontarci,
A immaginare una nuova vita
E poi non l’hai voluta.

Un autunno, un autunno fa.

È tutto spento
L’estate, il sangue, il centro di Milano, di Milano
È tutto acceso
La mente, il fiato, devo fare piano, fare piano
Una bolla quelli siamo noi, siamo noi
Tutto resta uguale tranne noi, tranne noi
Non avrei voluto dirlo mai, dirlo mai
Tutto quello che ora io vorrei
È un autunno fa.

Vestiti a terra e mani sulle pelle
E De Gregori dalla radio, Rimmel
Il sopracciglio alzato che si pente
Il cellulare muto ma si sente, ma si sente
Un raggio in diagonale sopra il muro
E tutta quella fame di futuro
Mi aveva fatto dire, un po’ ti amo
Il tuo labiale, mi dispiace.

È tutto spento
L’estate, il sangue, il centro di Milano, di Milano
È tutto acceso
La mente, il fiato, devo fare piano, fare piano
Una bolla quelli siamo noi, siamo noi
Tutto resta uguale tranne noi, tranne noi
Non avrei voluto dirlo mai, dirlo mai
Tutto quello che ora io vorrei
È un autunno fa
Un autunno fa.

Come un bacio solo ricordato
Quella foto che non ho scattato
Un autunno fa.