Giorgia, Normale: recensione in anteprima del nuovo singolo

Giorgia, Normale: la recensione e le prime impressioni sul nuovo singolo della cantante, disponibile dal 4 novembre 2022

Dimmi che cosa vuol dir normale per te“. Se lo chiede e lo ripete più volte, Giorgia, in questo atteso comeback, dopo anni di silenzi.

Il brano vede tra le collaborazioni Mahmood e Dario Faini (Dardust) e si sente nel sound e nel cantato. Giorgia racconta la ricerca dell’equilibrio di se stessi, il cercare il proprio posto nel mondo, nel rapporto con gli altri e in una società che cambia, muta, disorienta.

Si confronta con l’altra persona, si interroga sul senso di normalità (le offese? ordinare un caffè? aspettare fine mese?) fino all’accettazione di essere se stessi, al comprendere che non è un limite. Ma senza smettere di dirsi che “Forse troverò…”, in una ricerca ed evoluzione continua.

Sono passati sei anni dalla sua ultima fatica discografica, “Oro nero” e adesso la cantante si rimette in gioco con questo nuovo singolo, il primo brano che anticipa l’uscita del suo prossimo album di inediti.

L’annuncio arriva direttamente dai social ufficiali dell’artista, grazie a una serie di clip, girate da Rocco Papaleo, in cui Giorgia, camminando per le strade di Roma, chiede alla gente comune una loro personale definizione di cos’è “normale”. Un ritratto vivo e sincero delle diversità e delle somiglianze che caratterizzano ogni individuo.

Perché in questa società, dove migliaia, milioni di anime si interfacciano fra di loro, l’incertezza e il senso di appartenenza giocano un ruolo fondamentale. E Giorgia canta la diverse anime, sensazioni ed emozioni di chi vive l’insicurezza, un amore non corrisposto, chi cerca l’accettazione e quell’abbraccio che può non essere ristoro ma fonte di dolore. “Spero di essere me stessa per sempre” diventa una preghiera, un atto di fedeltà ai propri valori, alle proprie radici, in questo vortice di cambiamenti e di incapacità di comunicare che, ahimè, spesso unisce e caratterizza tutti quanti.

Giorgia è tornata con un pezzo che, dopo la sorpresa iniziale, convince e diventerà, per molti un mantra, anche per il messaggio che vuole lanciare.