Donda di Kanye West: le prime recensioni sul nuovo album

Donda, il nuovo album di Kanye West. Le recensioni e opinioni della critica sul disco: Gesù, Kim Kardashian tra i temi affrontati

E’ uscito Donda, il nuovo album di Kanye West, finalmente disponibile dopo settimane di continui rinvii e live set per presentare i nuovi brani ai suoi fan. Alla fine, il disco ha visto la luce pochi giorni fa, nonostante la delusione dello stesso cantante che, via Instagram, ha accusato la sua etichetta discografica di aver deciso di pubblicare l’album senza il suo coinvolgimento. Ma, tant’è, ormai il il progetto discografico è fuori e arrivano le prime recensioni e opinioni. Ve le riportiamo qui sotto, a seguire.

The Indipendent (Uk): Momenti splendenti – come un’esplosione di sole di un solo secondo attraverso nuvole scure di tempesta – sono così rari che quando emergi dall’altra parte, sono quasi dimenticati. … Ma coinvolgendo Manson, West ha reso questo impossibile. Donda lascia un sapore aspro che nessun buon ritmo, cori gospel o organi di chiesa cancelleranno. Zero stelle.

The Guardian: La cosa peggiore è che i migliori versi su Donda non vengono da Kanye.

Los Angeles Times: L’album sembra brutto – una raccolta disordinata di pensieri vaganti su sua madre, sul divorzio, su Dio, sul disturbo bipolare che viene definito il suo superpotere. … La gamma stilistica è impressionante ma estenuante in un modo distinto da “The Life of Pablo” del 2016; questo album manca di un senso di slancio per spingerti dalla raffica di chitarra di “Jail” al battito palpitante del sound club di “God Breathed”, il che significa che il nulla si basa su nient’altro.

The A.V. Club: Più della metà di questo album è un riempitivo. (…) Un coro pieno di sentimento non è sufficiente per salvare “Never Again”. In questo disco, non c’è nessuno del genio della produzione che ci si aspetta da West. … E questa è la cosa che manca di più a questo disco, con tutti i suoi innumerevoli problemi: nessuno modifica più West, nemmeno se stesso. Ed è un vero peccato.

Pop Matters: Se decidi di immergerti nella raccolta di canzoni della lunghezza di un film, troverai West saldamente nella tavolozza sonora della sua corsa post-The Life of Pablo. Ci sono produzioni disordinate e antagoniste simili che estendono la formula Yeezus di prendere a pugni gli ascoltatori fino alla sottomissione. … C’è un raro momento di umiltà in “24”, dove West canta – grida davvero – “we gon’ be okay” accanto a un coro e su un organo.

The New York Times: Essendo un album di Kanye West, sembra più una stabilizzazione che un’innovazione. … Il disco è coeso dal punto di vista sonoro ma anche troppo lungo e pieno di canzoni pesantemente assemblate – più produttori e scrittori, una generosità di ospiti maschili. West è passato da tempo alla modalità di direttore d’orchestra e in diverse canzoni qui lui è la zavorra ma non il fulcro.

The Telegraph: È, è vero, un talento singolare e i suoi monologhi interiori crepitano di un’innegabile alchimia oscura. Eppure, come un sermone che dura troppo a lungo, le osservazioni del flusso di coscienza di Kanye su Gesù, Kim Kardashian e l’importanza di essere Kanye soffrono per assenza di respiro. Può essere pieno di rumore e furia, ma l’ultimo progetto di West manca di direzione.