Il nuovo album degli U2 rimandato al 2009

Era uno degli album più attesi dell’anno, ma a quanto pare i fan degli U2 dovranno aspettare i primi mesi del 2009 per ascoltare il nuovo lavoro di Bono e soci. Infatti, nonostante gli annuci recenti, in un post apparso sul sito U2.com lo stesso Bono ha scritto che poco tempo fa pensavo che a


Era uno degli album più attesi dell’anno, ma a quanto pare i fan degli U2 dovranno aspettare i primi mesi del 2009 per ascoltare il nuovo lavoro di Bono e soci. Infatti, nonostante gli annuci recenti, in un post apparso sul sito U2.com lo stesso Bono ha scritto che

poco tempo fa pensavo che a quest’ ora saremmo già stati pronti, ma perchè uscire ora allo scoperto quando abiamo ancora del materiale prezioso da esplorare? Sappiamo che dobbiamo fare in fretta, ma sappiamo anche che il pubblico non vuole un nuovo album degli U2 a meno che questo non sia il nostro miglior album. Deve essere il più innovativo, il più competitivo […] il materiale su cui lavoriamo ora è dello stesso ordine di quello che ci ha portato a “The Joshua Tree” e “Achtung Baby” […] vogliamo che il 2009 sia il nostro anno

Magari, aggiungeranno i loro fan, magari raggiungessero ancora le vette dei due album citati. Io invece ho come un’impressione diversa, solo una sensazione: non sarà mica che, visto lo straordinario successo dei Coldplay, gli U2 abbiano ritardato l’album per non avere agguerriti concorrenti in classifica? Voi che ne pensate?

Comunque sia, l’album, registrato tra Fez (Marocco), il sud della Francia e Dublino, è prodotto da Brian Eno, Daniel Lanois and Steve Lillywhite, tre produttori che sono una garanzia. Come già detto di date ancora non si parla, ma solo dei “primi mesi” del prossimo anno. Non ci resta che aspettare, non mancheremo ovviamente di tenervi informati.

via Billboard

[errata corrige: la foto che accompagna questo articolo sui Gogol Bordello è di Marco Trabucchi, cui vanno le mie scuse per aver dimenticato di citarlo nel pezzo.]

Ultime notizie su Novità discografiche

Tutto su Novità discografiche →