Le più belle canzoni d’amore degli anni 2000 (dal 2000 al 2010)

Quali sono le canzoni d’amore più belle e intense dal 2000 al 2010? Scoprile su Blogo.it

Termina con la canzoni d’amore più belle dal 2000 al 2010, questo nostro viaggio nel passato, attraverso i decenni Cinquanta, Sessanta, Settanta, Ottanta e Novanta, per scoprire e segnalare alcuni dei brani più romantici e più intensi della storia della musica. Non solo musica internazionale, inglese, ma anche i pezzi più romantici della tradizione classica italiana. Abbiamo nominato tanti cantanti celebri fino ad oggi: da Claudio Baglioni a Gianni Morandi e da Cyndi Lauper a Madonna. Qui sotto, a seguire, anno per anno, i pezzi più noti e celebri degli anni Duemila. Quali aggiungereste? Buona lettura!

Il 2000 inizia con il successo di Lenny Kravitz che, in chiave romantica, si domanda quando potrà rivedere la sua donna, logorato dalla sua assenza e dalla nostalgia per lei (“Tutta la mia vita, Dove sei stata, Mi chiedo se ti rivedrò ancora, E se verrà quel giorno, So che potremmo farcela, Mi chiedo se mai ti rivedrò ancora”). Again è tormentone romantico dell’anno.

I Corrs conquistano le radio e dominano le vendite parlando di un amore che lascia letteralmente senza fiato: Breathless

Laura Pausini torna a impersonare l’amore con una storia a distanza che non riesce più a gestire e sopportare: il mare che la separa dall’amata è troppo da poter gestire. Tra te e il mare raggiunge il sesto posto delle classifica.

Alex Britti pubblica una dolcissima dichiarazione d’amore con Una su 1.000.000 e sceglie elementi quotidiani in cui ognuno può sentirsi rappresentato (“Amo amo è qualcosa di speciale, su e giù x lo stomaco è come un temporale, amo amo è il sugo sulla pasta finché non è finito non saprò mai dire basta, amo amo è un dono di natura perché la nostra storia non è solo un’avventura, amo amo è una semplice canzone e serve a me x dirti che 6 una su 1.000.000”)

Bon Jovi, dopo il successo di Always, ci riprova con una ballad che gronda sentimentalismo fin dal titolo: “Thank you for loving me“. Sicuramente efficace, non riesce però a bissare il successo del suo cavallo di battaglia noto a tutti.

Il 2001 vede il boom di Raf con “Infinito“. Le radio impazziscono per questo pezzo, il pubblico ne è innamorato e le vendite schizzano alle stelle: è il brano più venduto dell’anno.

Dall’infinito all’Eternity di Robbie Williams. E’ lo stesso anno, entrambe ballad intense. L’ex Take That fa sciogliere i cuori con questa canzone delicatissima e dolce.

Anche quest’anno, Laura Pausini fa centro con un altro pezzo: un amore finito ma che, in questo caso, potrebbe ricominciare. Nonostante l’orgoglio. Forse. Parliamo di “E ritorno da te

Nei cinema esce Pearl Harbor. Se l’accoglienza è decisamente inferiore al celebre drammone sentimentale di riferimento (leggi Titanic), il brano portante del film ha comunque un buon riscontro. Faith Hill è ben accolta da radio e pubblico grazie a There You’ll Be.

Il 2002 evidenzia il boom dei Tiromancino che con il brano “Per me è importante” risultano al sesto posto dei singoli più venduti dell’anno. (“Il mio pensiero vola verso te per raggiungere le immagini scolpite ormai nella coscienza”)

I The Calling sono una sorta di meteora nella classifica italiana ma in questi mesi, nessuno non conosce la ballad “Wherever you will go“.

Cesare Cremonini, invece, dopo aver lasciato i Lunapop crea una canzone d’amore toccante grazie a “Vieni a vedere perché“. Ed è solo l’inizio della sua carriera di successo come solista.

Gli Oasis incidono una delle ballad più belle della loro carriera: Stop Crying Your Heart Out. Ancora oggi è uno dei pezzi più intensi ed emozionanti, una poesia in forma di musica.

Norah Jones, intanto, incanta con la delicata “Come Away with me“, vincitrice dei Grammy Awards e in grado di vendere milioni di copie in tutto il mondo.

Nel 2003, Giorgia collabora per la colonna sonora di La finestra di fronte di Ferza Ozpetek e pubblica il singolo “Gocce di memoria“. E’ il secondo pezzo più venduto dell’anno.

Le Vibrazioni, intanto, esplodono grazie al brano “Dedicato a te” poi confermato nei mesi a seguire dal successo di “Vieni da me”

Eros Ramazzotti raggiunge un grande riscontro grazie al brano “Un’emozione per sempre” (Con quel sorriso acceso d’amore come se fossi uscita di colpo lì un’occhiata di sole, vorrei poterti ricordare lo sai, come una storia importante davvero, anche se ha mosso il sentimento che hai)

Dopo la febbre mediatica verso i Backstreet Boys, adesso sono i Blue a far battere i cuori. E il loro featuring con Elton John nel brano “Sorry seems to be the hardest word” rappresenta una delle loro maggiori hit:

Sempre loro, nel 2004, confermano il boom ottenuto, rilanciando con una versione italiana della loro Breath Easy che diventa A chi mi dice. E questa “dedica” italiana sconvolge le classifiche di vendita.

Dopo Infinito, Raf tenta ancora la carta della ballad sentimentale e attira ancora un interesse, sebbene dal risultato inferiore. In tutti i miei giorni, comunque, piace.

Francesco Renga canta Angelo e il pubblico la sceglie come canzone d’amore (Angelo, prenditi cura di lei, Lei non sa vedere al di là di quello che dà, l’ingenuità è parte di lei, che è parte di me)

A Sanremo, Paola e Chiara sono state eliminate quasi subito ma A Modo Mio è stato uno dei brani che ha più venduti dall’edizione del 2005 e uno dei pezzi più delicati e intensi della loro carriera.

In questi mesi, i The Rolling Stones rilasciano Streets of Love e raccontano di cuori infranti e lacrime (“You’re awful bright, You’re awful smart, I must admit, You broke my heart”)

Il 2006 vede gli Zero Assoluto ai primi due posti dei singoli più venduti. Un trionfo totale con, in vetta, Svegliarsi la mattina, seguito, al secondo posto, da Sei Parte di me.

Tiziano Ferro, invece, è sesto con la ballad strappalacrime “Ed ero contentissimo”. Il ricordo di quello che c’è stato, di un amore finito e di una gioia ormai più lontana che mai.

Gianna Nannini commuove e conquista con Sei nell’anima ed è la decima canzone più venduta dell’anno. Il grande ritorno della cantante.

Eros Ramazzotti duetta con Anastacia nel brano “I belong to you (Il ritmo della passione)“. Una efficace canzone d’amore che vede il trionfo di entrambi gli artisti.

Mary J.Blige e gli U2 collaborano e reinterpretano la canzone One che diventa, ancora una volta, un successo planetario.

Nel 2007 la passione infiamma, per Irene Grandi. E la sua “Bruci la città” rilancia alla grande la carriera della cantante (nel 205 in gara a Sanremo).

Impossibile non citare anche i Negramaro con “Parlami d’amore” (Coprimi la testa con la sabbia sotto il sole quando pensi siano troppe le parole, dimmi se c’è ancora sulle labbra il mio sapore quando pensi che sian troppe le paure)

Tiziano Ferro incide Ti scatterò una foto che diventa la colonna sonora per un celebre film tratto dal romanzo di Federico Moccia. E i lucchetti con le iniziali invadono Roma e tutte le città italiane.

Nel 2008, a ottener il primo posto dei pezzi più venduti è la dolcissima ed emozionante “A te” di Jovanotti. Una fiaba d’amore, una dedica sotto forma di poesia che scioglie anche i cuori più duri.

Giusy Ferreri, intanto, seconda classificata a X Factor Italia, diventa un vero e proprio tormentone in Italia: Non ti scordar mai di me– scritta da Tiziano Ferro- è ovunque, in ogni radio. Ed è un successo assoluto. Ottimo riscontro anche per il secondo inedito, Novembre, che è il sesto brano più acquistato dell’anno.

Dalla versione inglese del talent show, esplode in tutto il mondo Bleeding Love di Leona Lewis.

Nel 2009, altra influenza da talent show: Noemi feat. Fiorella Mannoia nel brano “L’amore si odia” si piazza quarto nella classifica annuale.

Alessandra Amoroso esce da Amici e piazza alcuni suoi pezzi nella top 100 tra cui Estranei a partire da ieri che potete ascoltare qui sotto:

Inoltre, Tiziano Ferro continua la sua strada ricca di successi anche grazie alla meravigliosa Il regalo più grande

Dopo i primi discreti successi, è il 2010 a segnare ufficialmente il consenso ottenuto dai Modà, grazie al brano La notte. (“Per una prova prova ad ascoltare il cuore e non l’orgoglio, ma la notte so che pensi a me, amore, nel buio cerchi sempre le mie mani”)

In questo stesso anno, Jovanotti scrive la title track per Baciami Ancora, il seguito del grande successo L’ultimo bacio di Gabriele Muccino. E si piazza quinto nella classifica finale del 2010.