Techetechetè, stasera 5 luglio 2022 il ricordo di Raffaella Carrà a un anno dalla sua morte

Raffaella Carrà protagonista di Techetechetè, nella puntata di martedì 5 luglio 2022, a un anno dalla sua morte

Andrà in onda su Rai 1, dopo il Tg, il consueto appuntamento con “Techetechetè“. E questa sera, 5 luglio 2022, a un anno esatto dalla sua morte, potremo rivedere, riascoltare e ricordare Raffaella Carrà, l’icona televisiva che ci ha lasciati, improvvisamente, l’estate scorsa.

Sono passati 12 mesi da quel pomeriggio quando la notizia venne resa nota. Ricordo il Tg1 con la lettura delle parole di Sergio Japino che aveva rilasciato un comunicato stampa per annunciare la morte di Raffaella Carrà:

Raffaella ci ha lasciati. È andata in un mondo migliore, dove la sua umanità, la sua inconfondibile risata e il suo straordinario talento risplenderanno per sempre

Ricordo di aver ascoltato la notizia e di aver alzato improvvisamente la testa, mentre lavoravo, incredulo, mentre la mente riorganizzava quello che avevo appena sentito, distrattamente. Sembrava impossibile, invece era davvero così.

Nelle settimane a seguire, la morte di Raffaella Carrà era un argomento che accomunava tutti, non sono i programmi televisivi. Con tutte le persone -da amici, collega, famiglia- parlare di Raffaella Carrà, morta, improvvisamente, era un passaggio obbligatorio. Perché per molti, lei, era stata (ed era) il simbolo della tv perbene, del professionismo, del ritrovarsi davanti alla tv a guardare i suoi show o ascoltare le sue canzoni.

Un’artista a 360 gradi a cui nessuno pensava di dover dire addio così presto. L’ha fatto in silenzio, senza parlare di malattia, senza interviste, senza annunci. Lontana dagli occhi e dagli sguardi di chi l’amava, Raffaella Carrà -insieme alla sua fragorosa risata- ha deciso di scivolare via mentre il pubblico attendeva di rivederla in tv o la immaginava sul palco dell’Eurovision 2022, a Torino.

Raffaella è stata il traino di generazioni, quel filo comune che lega nonni, mamme e figli. “Quando c’era lei in tv la guardavi fisso!” oppure “Quando partiva una sua canzone ballavi subito!” sono tra le frasi che gli adulti oggi, si son sentiti spesso dire dai genitori. Gli stessi genitori che, negli anni, guardavano i suoi programmi in famiglia. Che ascoltavano le sue canzoni.

A un anno dalla sua morte, su Rai 1, il doveroso ricordo di Raffaella Carrà, tra show canzoni, augurandoci che qualcosa di più concreto, per omaggiarla, possa essere fatti in tempi più brevi. Perché mentre da noi ne abbiamo parlato per 12 mesi, in Spagna le hanno intitolato una Piazza. Dalle parole ai fatti...