Steven Tyler, il cantante degli Aerosmith, accusato di violenza sessuale

Steven Tyler al centro di uno scandalo: una donna ha intentato una causa contro il leader degli Aerosmith. Ecco cosa sarebbe successo

Steven Tyler, il leader degli Aerosmith, è finito al centro di uno scandalo. Una donna, nelle scorse ore, avrebbe intentato una causa contro di lui accusandolo di violenza sessuale, percosse e inflizione intenzionale di stress emotivo. Le accuse sono state fatte in seguito alla legislazione della California che ha temporaneamente rinunciato ai termini di prescrizione per le accuse di abusi sessuali sull’infanzia. A rendere noto quanto accaduto è stato il sito americano del Rolling Stone, svelando l’identità dell’artista, apparentemente coinvolto nella vicenda.

Nella causa intentata, Julia Holcomb sostiene che Tyler avrebbe convinto sua madre ad affidargli la tutela su di lei quando lei aveva 16 anni. Questa decisione, come conseguenza, le avrebbe permesso di vivere con lui e di far nascere anche una relazione sessuale. Racconta che sono stati insieme dal 1973 fino a circa tre anni dopo. La causa in sé non nomina Tyler, nominando gli imputati come “Defendant Doe 1” e “Does 2” fino a 50. Ma Holcomb – che Rolling Stone ha menzionato in un profilo della band del 1976 in riferimento alla vita romantica di Tyler – ha reso pubblica la sua esperienza con Tyler in passato, e la causa cita direttamente passaggi dal libro di memorie di Tyler. Nel suo libro, senza fare un nome, Tyler dice allo stesso modo che “ha quasi preso una sposa adolescente” e che “i suoi genitori si sono innamorati di me, hanno firmato un documento per farmi avere la custodia, quindi non sarei arrestato se avessi l’ha portata fuori dallo stato. L’ho portata in tour con me”.

La donna afferma di “non essere stata in grado di resistere al potere, alla fama e alla sostanziale capacità finanziaria” di Tyler, e che Tyler avrebbe “costretta e convinto la querelante a credere che si trattasse di una ‘storia d’amore romantica’”. Holcomb sostiene di aver incontrato Tyler (che avrebbe avuto 25 anni al momento del loro incontro) poco dopo il suo sedicesimo compleanno, quando gli Aerosmith hanno tenuto un concerto a Portland, Oregon, nel 1973. Tyler, secondo la causa, ha riportato Holcomb al suo camera d’albergo, dove hanno discusso della sua età. Dopo aver presumibilmente chiesto perché fosse fuori tutta la notte da sola, Tyler e Holcomb hanno parlato dei suoi problemi a casa. Poi “avrebbe compiuto vari atti di condotta sessuale criminale su di lei” prima di rimandarla a casa in taxi la mattina seguente.

Ci sarebbero stati altri incontri, fra di loro, fino a quando nel 1974, come sostiene la causa, Tyler avrebbe convinto la madre della Holcomb a permettergli di diventare il suo tutore, il che gli avrebbe permesso di viaggiare più facilmente con lei senza procedimenti penali – una linea temporale che corrisponde ai commenti di Tyler dal suo libro di memorie del 2011. Tyler avrebbe detto alla madre di Holcomb che avrebbe fornito un supporto migliore di quello che stava ricevendo a casa, promettendole di iscriverla a scuola e di darle cure mediche. Tyler “non ha mantenuto in modo significativo queste promesse e invece ha continuato a viaggiare, aggredire e fornire alcol e droghe al querelante”, afferma la causa.

Holcomb sostiene inoltre di essere rimasta incinta del figlio di Tyler nel 1975 quando aveva 17 anni, ma ha abortito dopo che Tyler ha insistito per interrompere la gravidanza. Dopo l’aborto, avrebbe lasciato Tyler e sarebbe tornata a Portland per cambiare vita. A quel punto è diventata una devota cattolica, ha incontrato suo marito e ha rimosso le sue precedenti esperienze con Steven Tyler fino a quando proprio il cantante non ne ha scritto nel suo libro.

Infatti, nell’autobiografia degli Aerosmith, pubblicata nel 1997, sono presenti riferimenti alla relazione e all’aborto, ma Tyler chiama la ragazza Diana e ha detto che aveva 14 anni quando si sono incontrati. Nel suo libro di memorie, tuttavia, dice che aveva 16 anni e scrive dell’incendio ma non dell’aborto. Nella causa, Holcomb afferma di essere stata menzionata nei ringraziamenti del libro autobiografico, cosa che ha ulteriormente rimosso il suo anonimato. (I riconoscimenti del libro includono Julia Halcomb, ma c’è chi pensa che potrebbe essere un errore di ortografia del suo nome).