Roccuzzo: “Il mio nuovo singolo è imminente, sarà una ballad. Il NO di Emma mi è servito molto” (intervista)

Roccuzzo sta per tornare con un nuovo singolo inedito dopo alcune cover registrate: ecco la video intervista al cantante su Soundsblog.it

Roccuzzo è stato uno dei concorrenti di X Factor 2020 che ha maggiormente colpito il pubblico, con la sua partecipazione al talent show.  Ha commosso e colpito i giudici durante le Auditions ma, una volta entrato nella squadra di Emma, non è stato scelto dalla cantante per i Live Show del programma. Una decisione che, ai tempi, aveva infiammato i social e provocato delusione da parte del pubblico che seguiva il talent show. Sono passati mesi e, nel frattempo, Roccuzzo ha continuato a cantare, a incidere brani (per il momento cover) da Promettimi a La cura di Franco Battiato.

Abbiamo intervistato il cantante parlando del riscontro importante ottenuto sui social da parte delle persone che lo seguono (sono quasi 200.000 su Instagram) fino ai suoi prossimo progetti con l’uscita di brani inediti.

Con la cover di Promettimi di Elisa ha provocato emozione e commozione in giuria… Ti sei riguardato? Come lo ricordi, oggi?

Non mi sono riguardato, è successo solo circa due mesi fa. Per caso è comparso il video mentre ascoltato musica su YouTube. Mi ha fatto molto effetto, è bello ricordare quel momento. Tendo a ricordare le cose brutte, è importante invece ricordare anche le cose belle. Mi suscita diverse emozioni. E’ stato un bellissimo momento, qualcosa di unico.

Hai inciso anche la versione ufficiale della canzone, Promettimi, una tua cover del pezzo.

Dopo il video che ha spopolato sui social, non sapevo se la gente sarebbe andata a cercare la versione ma tutti mi chiedevano di inserire la versione cantata in studio. Non potevo non fare questo regalo alle persone che mi sta seguendo… Ero dubbio ma sta girando anche quella versione invece!

E poi La cura di Battiato, una dei capolavori della musica italiana.

L’ho scelta perché la prima versione de La Cura fu pubblicata nel 96/97, nel 96 sono nato io. L’ascoltavo spesso, anche insieme alla mia famiglia. E’ una canzone eterna, sono cresciuto con questa canzone e volevo inserirla a livello artistico nel mio percorso di crescita.

Su Instagram sei molto personale. Ti racconti in prima persona, senza nascondere momenti di sconforto che appartengono a tutti noi. Com’è avere questo filo diretto con i tuoi followers?

Bellissima domanda. Mi collego a X Factor. Quando ho iniziato a fare questo percorso si tende a creare un proprio personaggio, come apparire, come vestire. Io non ho fatto tutti questi pensieri. Vivendo in maniera vulnerabile ogni cosa, ci tenevo ad essere me stesso, prendendomi tutti i rischi. Anche sui social ho deciso di essere me stesso, non filtrando troppo. Ho deciso di andare contromano, soprattutto adesso, nella società in cui viviamo dove tutto sembra scontato, è importante tornare a ciò che si è, persone normali, semplici. Super tranquille…

Agganciandomi a questa cosa dei social, hai deciso di essere te stesso, con la tua fragilità. I social sanno essere anche un po’ infami, c’è chi offende, insulta. senza magari nemmeno avere un nome. Ti è capito e come la vivi, in caso?

Capita, soprattutto più ti metti in discussione. In realtà, all’inizio me la prendevo spesso. So che non si può e non si deve piacere a tutti. Molte volte dicevo “ma perché commentare in maniera negativa e non costruttiva?”. Mi fa rabbia vedere la cattiveria di una persona senza sapere la tua storia. Avere il diritto di criticare senza sapere come realmente stai. Più succede, più posso essere un canale per sottolineare questa cosa. Prima mi facevano male, ora sto imparando a capire che ci sono sempre le persone che ti criticheranno. Affrontarle nella maniera più semplice e reale, prima o poi qualcosa di loro dovrà cambiare.

Tra gli altri argomenti trattati con Roccuzzo,  abbiamo poi parlato delle polemiche nate sui social e sul web dopo la sua esclusione ai live di X Factor 2020 da parte di Emma. Una scelta che ha suscitato aspre critiche.

Quel periodo è stato davvero tosto. Dopo l’uscita, quando tutte le testate giornalistiche hanno iniziato a far leva sulla mia espulsione, ho notate come quante persone si sono posizionante contro Emma. E’ impossibile negare quando un’altra persona ti difende ti fa piacere ma quando tutto è sfociato su critiche personali, contro di lei, sono stato il primo ad arrabbiarmi con la gente e le persone che mi seguivano. Criticare in maniera non costruttiva, tendenti all’odio, non sono cose che appartengono a me. Mi rendo conto che le cose si siano frantese. A oggi, posso dire che il No di Emma mi è servito tantissimo. Spero di poterla reincontrare. Dopo la messa in onda, le ho scritto ma non c’è stata una risposta. Spero che le nostre strade si incrocino ancora. Quel No mi è servito per crescere, per migliorare. Ti spronano ancora a fare di più.

1

Infine, Roccuzzo ci ha parlato dei suoi piano e dell’uscita di un nuovo singolo inedito e imminente… Cliccate qui sopra per vedere l’intervista video integrale.