Walkie, il rapper russo che si è suicidato per non andare in guerra: “Non sono pronto a prendere le armi e uccidere i miei simili”

Walkie, la storia del rapper russo che ha deciso di uccidersi pur di non essere costretto ad andare in guerra: l’addio in un video

Ha preferito togliersi la vita piuttosto che essere costretto ad andare in guerra e uccidere altre persone. Questa la scelta sofferta di Ivan Vitalievich Petunin, 27 anni. Era un rapper russo – con il nome d’arte Walkie – e nelle scorse ore, aveva chiaramente detto che non poteva “sopportare il peccato dell’omicidio sulla mia anima” dopo essere stato chiamato a combattere nella barbara guerra di Putin in Ucraina. Nei giorni scorsi, infatti, , Putin aveva annunciato di chiamare 300.000 soldati in più in prima linea in questa folle e sanguinosa battaglia. Walkie non voleva, non riusciva a sopportare l’idea di provocare feriti o morti per una decisione imposta, contraria ai suoi ideali, ai suoi pensieri di pace. E ha preferito uccidersi.

Nei giorni scorsi, molti uomini russi hanno cercato disperatamente un modo per evitare la leva per impedire a se stessi di essere mandati a morire in Ucraina, fuggendo anche in altri Paesi e cambiando drasticamente la propria vita. Ieri, il corpo di Petunin è stato trovato vicino a un grattacielo nella città russa di Krasnodar dopo che il musicista aveva registrato e caricato un video sul suo canale Telegram, secondo quanto riportato dal Mail Online.

Il rapper, che in precedenza aveva prestato servizio nell’esercito russo, ha detto ai suoi fan:

“Se state guardando questo video, allora non sono più vivo. Non posso sopportare il peccato dell’omicidio sulla mia anima e non voglio. Non sono pronto a uccidere per nessun ideale. Scelgo di rimanere per sempre nella storia, come un uomo che non ha sostenuto ciò che stava accadendo. Non sono pronto a prendere le armi e uccidere i miei simili“.

Il rapper russo Walkie, che era stato precedentemente curato in un ospedale psichiatrico, ha detto che togliersi la vita è stato “un modo per esprimere la sua ultima protesta”.

Il ragazzo era convinto che la parziale mobilitazione delle truppe in prima linea da parte di Putin si sarebbe presto trasformata in piena mobilitazione.

Dopo la sua morte, la ragazza di Walkie ha pubblicato:

“Tutto è successo inaspettatamente… sarà sempre una persona brillante e gentile che ama scherzare”

Questo il suo account Instagram, inondato di messaggi di addio e di comprensione da parte dei suoi fan e di numerose persone venute a conoscenza di questa storia e della sua sofferta decisione.