Oh Lord, Vaarda Gio, Davide Van De Sfroos feat. Zucchero: testo e significato della canzone (video)

Davide Van De Sfroos feat. Zucchero, Oh Lord, Vaarda Gio: ascolta la canzone, testo e significato della canzone (video)

Oh Lord, Vaarda Gio è il primo singolo che anticipa il nuovo album di Davide Van De Sfroos, disponibile da venerdì 17 settembre 2021. Nel brano è presente anche Zucchero.

Davide Van De Sfroos, il nuovo album Maader Folk

È una madre consolatrice, benevola. Entrata nei sogni di Davide Van De Sfroos per ricordargli l’origine folk del suo mondo e suggerirgli il titolo del nuovo album: da venerdì 17 settembre Maader Folk estende a tutti il suo abbraccio, sancendo il ritorno del cantautore sulle scene musicali a distanza di sette anni dall’ultimo lavoro in studio.

Il disco è un viaggio in 15 tracce per intraprendere e abbracciare ancora una volta un linguaggio che è di tutti, radicato nei valori della cultura italiana. Un viaggio che ora lo riporta al folk e a certi sapori celtici degli esordi, ora lo avvicina a sonorità inedite, curiose e sperimentali, grazie anche alla collaborazione col produttore Taketo Gohara.

Davide Van De Sfroos feat. Zucchero, Oh Lord, Vaarda Gio, Significato canzone

Il grido dell’uomo smarrito che chiede al Signore quale strada percorrere, una preghiera libera e solenne in dialetto laghée-emiliano dal messaggio potentissimo, in cui le calde voci di Van de Sfroos e Zucchero Sugar Fornaciari si amalgamano fino a fondersi in una sentita richiesta di protezione a chi ci veglia da lassù. In un periodo storico dominato dall’incertezza, dalle difficoltà e dalle infinite incomprensioni tra gli uomini, gli artisti si fanno portavoce di quella fetta di mondo ancora fiduciosa in un radicale e salvifico cambiamento.

Davide Van De Sfroos feat. Zucchero, Oh Lord, Vaarda Gio, video

Cliccando qui potete vedere il video ufficiale del brano.

Davide Van De Sfroos feat. Zucchero, Oh Lord, Vaarda Gio, testo

Ecco il testo della canzone:

OH LORD, VAARDA GIO
Forsi l’è tèra o forsi l’è giàzz
Quèll che ho lasaa in soel bordo del piàtt,
resta l’umbriia de una maschera stoorta
e una perla nella sabbia del gàtt
Forsi l’è un’ala sbatüüda de nòcc
quaand che la geent la g’ha pioe gnanca i fàcc
rèsta el frecàss de chi sàra la poorta
quaand che’l turna indrre del sò viagg
Ogni semaforo e voer vècch resónn
ogni rutàmm l’è un tòcch de canzón
smorza la radio, sculta la Bréva
che poorta i suspiir de una loena in presónn
Varda la straada che eet faa mila voolt
per nà a scambià el tò frècc cun’t el coold
e du’e la straada finiva de culp
cumè un sciàtt curagiuus te fasévet un soolt
OH LORD PLEASE TELL ME
in’de g’hoo de nà adèss
OH LORD PLEASE TELL ME
cussè g’hoo de fà adèss
quaand che bùfa el veent se stoorten tücc i fiüü
E mastica ‘sto cuore,
un coer faa de ciuiinga
che proevet a scüsciàll
e intaant el se slunga….
E te rèstet lé a gratàss
la tua rabia o la tua nustaalgiia
cun la fàcia malmustuusa
de quuan gh’eeret tredes’ann
E quaand che i tò pensee
diventerànn zanzaar
préma i te runzen in’de l’urègia
dopu i te spuungen e poe i ‘ne vànn
OH LORD PLEASE TELL ME
in’de g’hoo de nà adèss
OH LORD PLEASE TELL ME
cussè g’hoo de fà adèss
quaand che bùfa el veent se stoorten tücc i fiüü
e sbànda la farfàla però se nèta el cieel
OH LORD PLEASE TELL ME
in’de g’hoo de nà adèss
OH LORD PLEASE TELL ME
cussè g’hoo de fà adèss
OH LORD PLEASE TELL ME