King, Florence + the Machine: ascolta la canzone (traduzione, testo e video)

Florence + the Machine, King: testo e significato della canzone, ecco di cosa parla il nuovo singolo (traduzione e video)

King è il nuovo singolo dei Florence + the Machine, uscito nelle scorse ore che anticipa il rilascio del prossimo disco di inediti, ancora senza titolo o data di pubblicazione.

La canzone è stata anticipata per la prima volta in una lettera inviata ad alcuni fan il 21 febbraio 2022, che diceva “Capitolo 1” e conteneva una carta. Il giorno successivo, i cartelloni pubblicitari in tutta Londra avevano la stessa card esposta e il sito web della band è stato aggiornato con 15 carte, la prima delle quali era il “Re (King)”, e un annuncio che presto sarebbe arrivata nuova musica. Questa è la prima uscita del gruppo dai tempi di “Call Me Cruella” per il film Crudelia con Emma Stone.

Florence + the Machine, King, Significato canzone

Ciò che le donne devono sacrificare al servizio della loro carriera in relazione agli uomini è una domanda secolare “King” affronta la domanda da un punto di vista leggermente diverso: cosa devono sacrificare le interpreti al servizio della loro arte in relazione agli uomini?

“Non sono una madre / non sono una sposa, sono un re”, afferma nel ritornello della canzone.

La cantanta racconta:

“Come artista, non ho mai pensato così tanto al mio genere di identità, sono semplicemente andata d’accordo. Ora, pensando di essere una donna nei miei 30 anni e pensando al futuro, sento improvvisamente questo strappo della mia identità e dei miei desideri. Essere un artista, ma anche volere una famiglia potrebbe non essere così semplice per me come lo è per i miei colleghi maschi. Mi ero modellata quasi esclusivamente su artisti maschi, e per la prima volta ho sentito un muro cadere tra me e i miei idoli perché devo prendere decisioni che loro non hanno mai fatto”

Florence + the Machine, King, Video ufficiale

Potete vedere il video ufficiale di King cliccando qui.

Florence + the Machine, King, Ascolta la canzone

Florence + the Machine, King, Testo canzone

We argue in the kitchen about whether to have children
About the world ending and the scale of my ambition
And how much is art really worth
The very thing you’re best at
Is the thing that hurts the most
But you need your rotten heart
Your dazzling pain like diamond rings
You need to go to war to find material to sing
I am no mother, I am no bride, I am King

I need my golden crown of sorrow, my bloody sword to swing
My empty halls to echo with grand self-mythology
I am no mother, I am no bride, I am King
I am no mother, I am no bride, I am King

But a woman is a changeling, always shifting shape
Just when you think you have it figured out
Something new begins to take
What strangе claws are these, scratching at my skin
I nеver knew my killer would be coming from within
I am no mother, I am no bride, I am King
I am no mother, I am no bride, I am King

I need my golden crown of sorrow, my bloody sword to swing
I need my empty halls to echo with grand self-mythology
’Cause I am no mother, I am no bride, I am King
I am no mother, I am no bride, I am King
I am no mother, I am no bride, I am King
I am no mother, I am no bride, I am King

Ooh
Ooh, ooh, ooh, ooh
Ooh, ooh
Ooh, ooh, ooh, ooh, ooh

And I was never as good as I always thought I was
But I knew how to dress it up
I was never satisfied, it never let me go
Just dragged me by my hair and back on with the show

Florence + the Machine, King, Traduzione canzone

Si discute in cucina sull’opportunità di avere figli
Sulla fine del mondo e sulla portata della mia ambizione
E quanto vale davvero l’arte
La cosa in cui dai il meglio
È la cosa che fa più male
Ma hai bisogno del tuo cuore marcio
Il tuo dolore abbagliante come anelli di diamanti
Devi andare in guerra per trovare materiale da cantare
Non sono una madre, non sono una sposa, sono un re

Ho bisogno della mia corona d’oro del dolore, della mia spada insanguinata per oscillare
I miei corridoi vuoti riecheggiano con la grande mitologia di me stesso
Non sono una madre, non sono una sposa, sono un re
Non sono una madre, non sono una sposa, sono un re

Ma una donna è una forma cangiante, sempre mutevole
Proprio quando pensi di aver capito
Qualcosa di nuovo comincia a prendere forma
Che strani artigli sono questi, che mi graffiano la pelle
Non ho mai saputo che il mio assassino sarebbe venuto da dentro
Non sono una madre, non sono una sposa, sono un re
Non sono una madre, non sono una sposa, sono un re

Ho bisogno della mia corona d’oro del dolore, della mia spada insanguinata per oscillare
Ho bisogno che le mie sale vuote echeggino con la grande mitologia di me stesso
Perché non sono una madre, non sono una sposa, sono un re
Non sono una madre, non sono una sposa, sono un re
Non sono una madre, non sono una sposa, sono un re
Non sono una madre, non sono una sposa, sono un re

Ooh
Ooh, ooh, ooh, ooh
Ooh ooh
Ooh, ooh, ooh, ooh, ooh

E non sono mai stato brava come ho sempre pensato di essere
Ma sapevo come vestirlo
Non sono mai stato soddisfatta, non mi ha mai lasciato andare
Mi hai appena trascinata per i capelli e sono tornata con lo spettacolo