Forse, Pinguini Tattici Nucleari: ascolta la canzone e leggi il testo

Pinguini Tattici Nucleari, Forse: testo e significato della canzone. Ecco di cosa parla il brano, ascolta il pezzo su Soundsblog.it

Forse è una canzone dei Pinguini Tattici Nucleari. Inizialmente è stata inizialmente pubblicata esclusivamente nella versione fisica (in vinile e CD) dell’album Fake News per poi essere resa disponibile anche sulle piattaforme di streaming il 13 gennaio 2023. Qui sotto potete ascoltare il brano e leggere il testo.

Pinguini Tattici Nucleari, Forse, Ascolta la canzone, leggi il significato

A seguire potete ascoltare, in streaming, “Forse”, il brano dei Pinguini Tattici Nucleari. Cliccando qui, il pezzo su YouTube.

Il brano è un bilancio su una relazione finita, con una analisi di quello che c’è stato, dei punti di vista reciproci e di come, forse, le cose sono davvero andate.

Pinguini Tattici Nucleari, Forse, Testo canzone

Forse è vero che di notte
Tutto viene un po’ più facile
Che il buio mette insieme
Chi c’ha l’anima più fragile
Ed è vero che la sedia
Quando si ferma la canzone
È di chi corre più veloce
Non di chi balla con passione
Forse è vero che ho sbagliato
Sì, ma ci siamo divertiti
Siamo freddi come grotte
E lanciamo stalattiti
Quando piove, spero mi ricorderai
Come un piccolo “forse” perso dentro ai tuoi “mai”

Non c’è nessun posto
Per quelli come noi che vivon sui rasoi
Ma mi son nascosto nei tuoi
“Non c’è niеnte che non va”
E cerchi lе mie colpe nella mia musica
Fragile come un golpe in Sudamerica
La nostra buona stella parla in codice Morse
Le ho chiesto di stasera
E mi ha risposto: “Forse va bene”

Forse è vero che ti ho stretto
Troppo forte, troppo spesso
Volevo essere indelebile
Invece era solo gesso
E rigo dritto, come un aereo atterro in pista
Tolgo la testa dalle nuvole
E la regalo a una terapista
E ci vuole un po’ di fegato
Pure ad essere un coniglio
Perché non è mica facile
Vivere al buio in un cilindro
E poi t’arrabbi, dici che non te ne importa
E sei bella come il sole
Quando c’hai la luna storta

Non c’è nessun posto
Per quelli come noi che vivon sui rasoi
Ma mi son nascosto nei tuoi
“Non c’è niente che non va”
E cerchi le mie colpe nella mia musica
Fragile come un golpe in Sudamerica
La nostra buona stella parla in codice Morse
Le ho chiesto di stasera
E mi ha risposto: “Forse va bene”

Non c’è nessun posto
Per quelli come noi che vivon sui rasoi
Ma mi son nascosto nei tuoi
“Non c’è niente che non va”
E cerchi le mie colpe nella mia musica
Fragile come un golpe in Sudamerica
La nostra buona stella parla in codice Morse
Le ho chiesto di stasera
E mi ha risposto: “Forse”

La nostra buona stella è la peggiore
Tra le luci
E se ci credi troppo va a finire che ti bruci, ahi