Foo Fighters in concerto a New York: biglietti solo per chi è vaccinato da 14 giorni, scoppia la polemica

I Foo Fighters tra le critiche e le polemiche per il loro concerto a New York del 20 giugno: ammessi solo i vaccinati…

I Foo Fighters si esibiranno in concerto a New York, al Madison Square Garden, il prossimo 20 giugno. L’annuncio ufficiale ha entusiasmato i fan della band ma, poco dopo, sono nate intense polemiche sui social. Il motivo? I biglietti sono acquistabili solamente da chi -per quella data- risulta completamente vaccinato (con due dosi, per i vaccini che lo prevedono) da almeno 14 giorni.

Il gruppo aveva twittato felicemente che i biglietti per lo show del 20 giugno sarebbero stati disponibili a partire da venerdì.

Tuttavia, la pagina Ticketmaster per lo spettacolo specifica che “Gli ospiti devono avere la prova della vaccinazione completa contro il Covid-19 – Dose finale 14 giorni prima dell’evento”. E non per un” capriccio”, come ben specificato:

“A causa dell’enorme richiesta di questi eventi, al fine di accogliere il maggior numero possibile di ospiti, il Madison Square Garden si attiene ai mandati dello Stato di New York che richiedono che tutti gli ospiti siano completamente vaccinati in tali circostanze”.

E qua si è aperta la discussioni con critiche e accuse. Alcuni fan non ancora vaccinati – ma non contrari a farlo – hanno protestato per il breve preavviso, arrivato solo 12 giorni prima del concerto. In queste condizioni, anche quei fan intenzionati a vaccinarsi, non avrebbero avuto la possibilità di farlo in tempo visto la richiesta della “dose finale 14 giorni prima. Altri, invece -i no vax- hanno tuonato proprio contro l’idea originale alla base della possibilità di presenziare all’evento.

Un tweeter ha definito la band “Nemico del popolo” e un altro li ha accusati di “coercizione“.

Non è però, una novità, che i Foo Fighters fossero molto attenti sull’argomento Covid-19: il mese scorso avevano partecipato al Vax Live: The Concert to Reunite the World di Los Angeles.

Il frontman Dave Grohl aveva precedentemente dimostrato quanto seriamente avesse preso la pandemia parlando, ad esempio, contro il desiderio e la proposta dell’ex presidente Donald Trump di riaprire le scuole, mesi fa.

In Italia, invece, i Foo Fighters saranno in concerto il 12 giugno 2022 a Milano.