Follia: il singolo inedito di Shari, prodotto da Salmo (Testo e Audio)

Follia è il singolo inedito di Shari, il primo pubblicato per la Lebonski 360°, l’etichetta discografica fondata da Salmo.

Follia è il singolo inedito di Shari, cantante 19enne di Monfalcone, il primo pubblicato per la Lebonski 360°, l’etichetta discografica fondata da Salmo, produttore del brano.

Shari è una cantante che si è fatta notare nel 2015, a soli 13 anni, grazie al talent show di Canale 5, Tu sì que vales. La partecipazione al programma televisivo le valse subito un contratto discografico. Negli anni successivi, la cantante si è esibita come ospite nelle tappe italiane del World Tour de Il Volo e ha pubblicato i singoli Don’t you run e Sale. Nel 2019, invece, ha collaborato con Benji & Fede e ha conquistato la finale di Sanremo Giovani grazie al brano Stella.

Shari e Salmo hanno già lavorato insieme per la canzone L’angelo caduto, contenuta in Flop, l’ultimo album del rapper sardo, attualmente in cima alle classifiche.

Follia è un singolo dove il beat di Salmo, cupo e minimale, aumenta di intensità con il trascorrere dei minuti, sposandosi perfettamente con il testo scritto da Shari, nel quale la cantante descrive una relazione tra due persone segnata dalla follia, appunto, che dà il titolo al pezzo, e tutte le conseguenze.

Di seguito, trovate il testo di Follia. Cliccando qui, potete ascoltare il singolo.

Follia: il testo

E siamo schegge di follia
caduti a terra come cenere sulle piastrelle
qualcuno che non va mai via
anche con tutte le ferite sulla pelle
e mi piaci perché ti piaccio così
e piangi perché mi piaci così
che se ti fanno male non senti niente
e balli perché ti senti in un film
e ti sballi perché ti piace così
vivi la vita come fosse niente.

E siamo la follia
non dirmi che sei mia
e siamo la follia
non dirmi che sei mia
non dirmi che sei mia sei mia sei mia.

E siamo fatti di follia
ci sale in testa e dopo non capiamo più niente
io non volevo andare via
non mi sentivo più a casa da nessuna parte
e vai fuori di te se bevi così
vai fuori di testa proprio così
mi urli in faccia, tu non sei niente
e ti amo però uccidi
mi amavi però impazzivi
volevo urlare e non dicevo niente.

E siamo la follia
non dirmi che sei mia
e siamo la follia
non dirmi che sei mia
non dirmi che sei mia sei mia sei mia.

Mi sto togliendo i tuoi proiettili dal corpo
piano piano che fa male anche stavolta
con i respiri che ricoprono il silenzio
col fucile puntato pronto a sparare
occhi come fulmini nel temporale.

E siamo la follia
non dirmi che sei mia
non dirmi che sei mia sei mia
non dirmi che sei mia
non dirmi che sei mia.