Lutto per Fetty Wap: è morta, a 4 anni, la figlia del rapper

Fetty Wap, grave lutto per il rapper e la sua famiglia: all’età di 4 anni è morta la figlia Lauren Maxwell. La madre ha condiviso la notizia

Terribile lutto per Fetty Wap. E’ morta, a soli 4 anni, la figlia del rapper, Lauren Maxwell. A condividere questa triste notizia è stata la madre della piccola, Turquoise Miami, via Instagram, nelle scorse ore, secondo quanto riportato dai media. Il post includeva filmati dolci e commoventi di Lauren mentre giocava in una piscina.

“Questa è la mia fantastica, bellissima, divertente, vibrante, amorevole, talentuosa, intelligente e testarda principessa sirena Acquarius”. Se vedi questo post scorrere con il suo commento o dici semplicemente ‘ti amo LAUREN’… perché dicono che le anime possono sentire il tuo amore #Rip.”

Ecco le parole condivise dalla donna sui social, accompagnate dalle immagini della piccola.

La causa della morte di Lauren non è stata pubblicamente condivisa, né è stata rivelata la data esatta della scomparsa della bimba. Il sito E! News ha tentato di contattare il team di Fetty Wap per un commento ma, più che comprensibilmente, non ha ancora ottenuto risposta. Diversi rapporti di Rap-Up e Hot97 raccontano che Lauren sia probabilmente scomparsa alla fine del mese di giugno.

Secondo quanto riportato anche dai medi media, Fetty Wap sembrava dedicare il suo set del 25 luglio al Rolling Loud Miami proprio alla sua Lauren pubblicando sulla sua Instagram Story dopo l’esibizione,

“LoLo papà ha fatto quella cosa per te la scorsa notte, piccola”.

Il cantante è anche padre di Aydin, 10 anni, Zaviera, 6, Khari, 5, Amani, 5 e Zy, nato nel 2018.

Sfortunatamente, la morte di Lauren non è l’unica perdita recente nella vita di Fetty Wap. Suo fratello minore, che definiva “il suo gemello”, è morto lo scorso ottobre.

All’epoca della scomparsa del fratello, il rapper commentò:

“Smettetela di chiedermi se sto bene… No TF, non sto bene. (…) Conosco il tuo modo di dire ‘Non piangere per me, scivola per me’, ma non so cosa dirò a mio nipote quando mi chiederà perché non ero sicuro che tu stessi bene…”