Fantasmi: il nuovo singolo di TY1 con Marracash e Geolier (Testo e Video)

Fantasmi è il primo singolo estratto da Djungle, il nuovo album di TY1, dj e produttore salernitano, in uscita il prossimo 4 maggio.

Fantasmi è il nuovo singolo di TY1, dj e produttore salernitano conosciuto anche con il nome d’arte di DJ Tayone, che vede la partecipazione di Marracash e Geolier.

Fantasmi è il primo singolo estratto da Djungle, il nuovo album di TY1, in uscita il prossimo 4 maggio. Per il suo nuovo progetto discografico, TY1 ha collaborato con ben 24 artisti, la maggior parte provenienti dalla scena urban e hip hop, italiana e internazionale, ma anche con artisti pop.

Per il beat di Fantasmi, TY1 si è ispirato ad un celebre singolo dance anni ’90, Free di Ultra Natè:

Lavorare con Marracash e con Geolier a questo brano è stato per me motivo di grande soddisfazione. Marra è un mostro sacro del rap italiano che non ha bisogno di presentazioni, mentre Geolier è una delle voci più rappresentative della nuova scuola. La forza di Fantasmi è da ricercare nella sua spontaneità. Il suono che ne è scaturito ha ispirato Marracash e Geolier a scrivere una vera e propria poesia.

Di seguito, trovate il testo di Fantasmi. Cliccando qui, potete ascoltare il singolo.

Fantasmi: il testo

M’hanno ditto che ‘e sorde fanno venì ‘a vista e cecate
Pe via ‘e stu cash nun dormo, fra’, ‘e notte nun sogno, ma resto scetato
Prima nun cuntavo niente, mo cuntammo eppure, ma ce sfastidiammo
Purtroppo n’so’ nato da figlio ‘e papà, si ce penze, fratè, menumale
Uoh, no pain, no gain, tattoo ‘int’e celle
Fatte forza, nisciuno te difende
Pe Cristo Gesù, fratè, tanto ‘e cappiello
Ma datemе ‘o meglio posto ‘int’a ll’inferno
Simmo chille là ca ‘int’o cinеma ‘int’o film
Saje facimmo ‘o tifo pe ll’antagonista
Dudece ore ‘e volo, sto atterranno ‘ncopp’a pista
Chiove, songo allegro, ‘o stesso o sole songo triste
Tengo valore, nun tengo nu prezzo, tengo disprezzo
Ch”e sorde nn’t’accatte l’ammore, ma t’accatte ‘o sesso
Ricuordete, nn’t’accatte ‘o tiempo, t’accatte ‘o Rolex
‘O male m’ha ditto na cosa, m’è rimasta impressa
Pe se salvà ccà hann”a leggere ‘a Bibbia, ma tene nu prezzo.

So’ sempe ‘o stesso, è ‘a gente che cagne attuorno
Pe via ‘e ‘sti sorde nun me fido, stongo accorto
Piglio na scarpa e te cride ca sto a pposto
Vaco ‘nfreva, nun me pozzo accattà ‘a morte
So come vivo e so come me ne andrò
Il mio nome è in granito in un abito Tom Ford
E se c’è un paradiso per quelli come noi
Appena arrivo, dirò, portami dal boss.

Mi ricordo gli inizi, le buste dentro i tubolari
Gli amici poi tumulati
Amo la pioggia, cancella gli indizi
Ma i vizi sono cumulabili
Accumunati dai nostri traumi
Siamo acuminati, feriamo gli altri
Ed io ho perso già più di un fratello
Bro’, ho preso un castello per i miei fantasmi
L’estratto conto mio è alto ma ancora a stretto contatto
‘Sta razza è infame, neanche i piranha si mangiano uno con l’altro
Colto in flagranza, questa fragranza non toglie il puzzo di fame
Infrangi il codice, errata corrige, rendilo un buon affare
È tardi ormai per pregare, è tardi e lei fa la fredda
Io appena stato dentro di lei e c’è meno di ciò che pensa
Ehi, siamo circondati ma arrendersi è il vero crimine
Il piombo non è commestibile, il mondo tuo è su un dirigibile.

So’ sempe ‘o stesso, è ‘a gente che cagne attuorno
Pe via ‘e ‘sti sorde nun me fido, stongo accorto
Piglio na scarpa e te cride ca sto a pposto
Vaco ‘nfreva, nun me pozzo accattà ‘a morte
So come vivo e so come me ne andrò
Il mio nome è in granito in un abito Tom Ford
E se c’è un paradiso per quelli come noi
Appena arrivo, dirò, portami dal boss.