Disco Samba: quali sono le canzoni del celebre medley di Capodanno?

Tutte le canzoni che compongono Disco Samba, il celebre medley del “trenino” con il quale si festeggia l’inizio dell’anno nuovo.

Questa sera, la notte di San Silvestro, saluteremo finalmente questo 2020 che, purtroppo, non dimenticheremo mai a causa della pandemia di COVID-19 che ha stravolto e che sta condizionando tuttora le nostre vite.

Sarà un Capodanno diverso, tutt’altro che scatenato, soprattutto a causa delle misure cautelative che tutti noi siamo chiamati ad osservare anche all’interno delle nostre abitazioni.

In attesa di tempi migliori, quando si pensa al Capodanno e ai festeggiamenti per l’arrivo dell’anno nuovo, non si può non pensare al famoso “trenino” e al celebre medley Disco Samba che tutti conoscono ma, probabilmente, non così nei dettagli.

Disco Samba, questo è il titolo ufficiale, è un famoso medley dalla durata di sette minuti, pubblicato nel 1978 dai Two Man Sound, trio di musicisti provenienti non dal Sudamerica, come chiunque potrebbe ipotizzare, ma dal Belgio e non più attivi dal punto di vista discografico.

Disco Samba, come già anticipato, è una composizione di canzoni che omaggiano il sound tipico del Sudamerica, specialmente del Brasile.

Il famoso “Pe Pe Pe Pe Pe Pe” con cui ha inizio il medley, ad esempio, è tratto da Taj Mahal di Jorge Ben Jor, pubblicato nel 1972.

Un’altra parte celebre del medley è il famoso “Zazueira”, tratto dall’omonima canzone sempre di Jorge Ben Jor, pubblicata nel 1963.

Non possiamo dimenticarci, ovviamente, dell’altrettanto celebre “A E I O U Ipsilon” che è tratto da Pegue na Cartilha (A-E-I-O-U-Y) di Bahiano, pubblicato nel 1953.

Il medley prosegue con “Fio Maravilha”, tratto dall’omonima canzone firmata sempre da Jorge Ben Jor, pubblicata nel 1962, con “Brigitte Bardot Bardot”, tratta da Brigitte Bardot di Jorge Veiga, pubblicata nel 1961, e da “Ay Ay Caramba”, estratta da Caramba… Galileu da Galiléia, sempre di Jorge Ben Jor e rilasciata nel 1963.

Tra le canzoni che troviamo poco dopo, citiamo anche Aquarela do Brasil di Ary Barroso (1939), da cui è tratto il celebre “Brasil la la la la la la la la”, e Charlie Brown di Benito di Paula (1974), da cui è stato estratto l’altrettanto famoso “Eh! Meu amigo Charlie”.

Di seguito, trovate tutte le canzoni presenti in ordine di tempo: Intro di Lou Deprijck (1978), Taj Mahal di Jorge Ben Jor (1972), Upa, Neguinho di Edu Lobo (1964), Zazueira di Jorge Ben Jor (1963), Pegue na Cartilha (A-E-I-O-U-Y) di Bahiano (1953), Fio Maravilha di Jorge Ben Jor (1972), Brigitte Bardot di Jorge Veiga (1961), Caramba… Galileu da Galiléia di Jorge Ben Jor (1963), País Tropical di Jorge Ben Jor (1969), So Fla-Fla di Lou Deprijck (1977), Aquarela do Brasil di Ary Barroso (1939), Você Abusou di Antônio Carlos e Jocáfi (1971), Nega de Obaluaê di Wando (1973), Tristeza di Jair Rodrigues (1966), Charlie Brown di Benito di Paula (1974), Festa Para Um Rei Negro di Jair Rodrigues (1971), Mariana di Paulo Brasão (1977), Mas que nada di Jorge Ben Jor (1963), Desacato di Antonio Carlos & Jocafi (1971), Copacabana di Penny Els (1972) e Ritmocada di Lou Deprijck (1977).

Cliccando qui, potete cominciare a ballare…

E buon anno!