I gruppi e le star della disco music anni ’70: che fine hanno fatto? Storie drammatiche tra problemi di salute e scomparse premature

La disco music degli anni ’70, dai Bee Gees ai Village People, che fine hanno fatto? Il destino tra problemi di salute e scomparse premature

Intorno alla prima metà degli anni Settanta, tra le correnti musicali più in voga e di maggior successo c’è sicuramente stata la disco music. In un periodo storico complicato (dalla guerra in Vietnam allo scandalo Watergate), ecco nascere un’alternativa leggera, di svago e volutamente con l’intenzione di staccare la mente da preoccupazioni e instabilità. Evasione era la parola chiave per quegli anni, premiata dalle classifiche e dalle radio. Eppure, come riportato dal sito Grunge, ecco alcuni drammi personali che hanno visto protagonisti proprio i cantanti e gli artistiche, per primi, cercavano di distrarre e alleggerire il pubblico.

Partiamo dai Bee Gees. I tre fratelli Gibb erano già quotati dagli anni ’60 come gruppo folk rock grazie a brani come “To Love Somebody” e “I Started a Joke”. A partire dal 1975  ecco la svolta disco con “Jive Talkin”. “Nights on Broadway” e “You Should Be Dancing” hanno messo le basi della loro svolta musicale, portandoli a creare la colonna sonora per Saturday Night Fever, La febbre del sabato sera. Tra i pezzi di maggior successo non possiamo non citare “How Deep Is Your Love”, “Stayin ‘Alive” e “Night Fever”. Nel gennaio 2003, in base a quanto riportato dal The Guardian, Maurice Gibb si è sentito male nella sua casa di Miami e ha avuto un infarto durante un’operazione intestinale. Si riprese brevemente prima di morire all’età di 53 anni. Nove anni dopo, il fratello gemello di Maurice Gibb e compagno di Bee Gee, Robin Gibb, morì all’età di 62 anni, per complicazioni legate al cancro e durante un’operazione di chirurgia, secondo il New York Times. Il fratello minore della famiglia Gibb, Andy, aveva 19 anni e sembrava una star del cinema quando salì in cima alle classifiche per la prima volta nel 1977 con “I Just Want to Be Your Everything”, una canzone scritta da suo fratello Barry Gibb. Poi ha raggiunto di nuovo il numero 1 con i suoi due singoli successivi realizzati dai Bee Gees, “(Love Is) Thicker Than Water” e “Shadow Dancing”. Gibb avrebbe preortato altre sei canzoni ai livelli più alti della Hot 100, e presto è passato alla recitazione. Secondo People, tuttavia, non si è presentato così spesso alle prove e alle esibizioni per uno spettacolo di Broadway che i produttori lo hanno licenziato. Secondo quanto emerso, Gibb aveva una dipendenza dalla cocaina, che Gibb ha annunciato essere diventata particolarmente grave quando si è auto-medicato per la sua rottura pubblica con la star di Dallas, Victoria Principal. Nel 1985, ha cercato un trattamento presso il Betty Ford Center, secondo il Desert Sun. Nel 1988, secondo quanto riferito, Gibb si era calmato e si stava preparando a registrare nuova musica e mettere in scena un ritorno. Non è mai successo. Secondo il New York Times, Gibb si sarebbe recato al John Radcliffe Hospital nell’Oxfordshire, in Inghilterra, nel marzo 1988, in cerca di cure per forti dolori allo stomaco. In pochi giorni, il cantante di 30 anni era morto. Le autorità (tramite l’Associated Press) hanno riferito che Gibb è morto di miocardite, un’infezione virale del muscolo cardiaco.

Passiamo a K.C. and the Sunshine Band. Tra i successi non possiamo non citare e ricordare “Get Down Tonight,” “That’s the Way (I Like It),” “(Shake, Shake, Shake) Shake Your Booty,” e “I’m Your Boogie Man”. Poi, nel 1979, cambiarono sound  e pubblicarono  “Please Don’t Go”, che conquistò la Billboard Hot 100. Il frontman del gruppo, Casey, secondo l’Orlando Sun-Sentinel, fu coinvolto in un grave incidente automobilistico non lontano da casa sua a Hialeah, in Florida, nel 1982. Lo lasciò paralizzato sul lato sinistro e Casey dovette usare una sedia a rotelle mentre imparava di nuovo a camminare.  Il recupero lo ha portato a una dipendenza da antidolorifici e, dopo aver affrontato più tristezza dopo che suo padre ha subito diversi ictus prima di morire, Casey è entrato in riabilitazione dalla droga nel 1986.

Impossibile non citare l’influenza nella disco music di Donna Summer. Nel 2013 è diventata uno dei pochi artisti dance inseriti nella Rock and Roll Hall of Fame, in parte perché anche i suoi successi da discoteca combinavano soul, blues e rock per creare qualcosa di singolarmente suo. Nel 1975, Summer pubblicò il controverso entusiasmante “Love to Love You Baby”, il suo primo di 16 successi numero uno in discoteca, che comprendeva anche classici come “Hot Stuff”, “Bad Girls” e “Last Dance”. La cantante è morta nel maggio 2012. Secondo la famiglia della Summer, tramite la CNN, la leggenda della discoteca è morta per una forma di cancro ai polmoni non correlata al fumo. Aveva 63 anni.

The Hustle raggiunse il primo posto nella classifica pop di Billboard nel luglio 1975, attribuito a Van McCoy e alla Soul City Symphony. Quello è stato l’unico grande successo di McCoy, ma non la sua unica hit. Negli anni ’50, faceva parte di un gruppo vocale di moderato successo chiamato Starlighters, che portò McCoy ad avviare una piccola etichetta discografica e ad ottenere un lavoro come autore per lo staff della Sceptre Records, dove scrisse successi per Jackie Wilson, Gladys Knight e Le Shirelles. Negli anni ’70, McCoy passò pesantemente alla produzione e all’organizzazione di dischi soul per artisti del calibro di David Ruffin e The Stylistics.  Alla fine di giugno 1979, secondo il Washington Post, Ruffin ebbe un attacco di cuore nella sua casa del New Jersey e successivamente finì in coma. Una settimana dopo, il musicista è morto in ospedale alla giovane età di soli 39 anni.

Nel periodo di massimo splendore della disco, Sylvester sfornò numerosi successi distintivi e distintivi, tra cui “Dance (Disco Heat)”, “All I Need” e “You Make Me Feel (Mighty Real)”. Ha continuato a essere un’icona sia per il mondo della musica dance che per la comunità LGBT negli anni ’80. Purtroppo, è morto nel 1988 per complicazioni dell’AIDS a soli 42 anni. 

“We Are Family”, “I’m Coming Out”, “Good Times” e “Le Freak” cosa hanno in comune? Sono stati prodotti da Bernard Edwards e Nile Rodgers de Le Chic. Dopo che il gruppo si sciolse, Edwards ha continuato a registrare per Rod Stewart e la ABC, ma la sua vita si è fermata nell’aprile 1996. Rodgers ha scoperto Edwards, che si era sentito male quel giorno. nella sua stanza d’albergo, secondo il New York Times. La causa della morte fu successivamente determinata essere la polmonite; Edwards aveva 43 anni. Problemi di salute ma fortunatamente superati per Rodgers. Nile ha affrontato un cancro per diversi anni. Diagnosticato per la prima volta nel 2010, ha annunciato una remissione completa nel 2013. Tuttavia, la malattia si è ripresentata e dopo che i medici hanno scoperto una massa cancerosa sul suo rene nel 2017. Ha optato per un intervento chirurgico e da allora è in buona salute.

In quegli anni, brillarono anche i Village People. Tra loro c’era anche Glenn Hughes, appassionato di motociclette, quando non cantava in “YMCA”, “In the Navy”, “Go West” e “Macho Man. Il loro successo si fermò, però intorno al 1980., Hughes, purtroppo, è morto di cancro ai polmoni nel marzo 2001 a soli 50 anni, secondo Deseret News.

 

 

 

I Video di Soundsblog