Come vuoi, Geolier: ascolta la canzone e leggi il testo

Geolier, Come vuoi: testo e significato della canzone. Ascolta il brano tratto dall’album “Il coraggio dei bambini”

Come vuoi è un brano di Geolier presente nel suo nuovo disco, Il coraggio dei bambini, disponibile da venerdì 6 gennaio 2023. Qui sotto potete ascoltare la canzone, leggere testo e significato del pezzo, attualmente tra i brani musicali di tendenza su YouTube.

Come vuoi, Ascolta la canzone e leggi il significato

A seguire potete ascoltare, in streaming, Come vuoi. Cliccando qui, invece, il visual video del brano.

Nella canzone riflette sul rapporto complicato con l’amata, ha imparato a non dire “Per sempre”, a conferma delle insicurezze che prova. Ma, allo stesso tempo, sarebbe disposto a morire per lei. La donna appare più distratta, distante da lui. E proprio per questo, lui non sente di potersi fidare fino in fondo.

Geolier, Come vuoi, Testo canzone

Dat Boi Dee vamos pa la banca, ahah
Yeah, ah, ah

‘E notte t’aspetto, m’aspetto che viene
I’ e te pigliammo fuoco, pienza tutt”a vita ‘nzieme
Tu guarde ‘o mare e, mentre ‘o staje guardanno, i’ guardo a te
T”esse cercato sicuro si mo nun te sapivo
Ma che faje?
Chiagne, nun me piace, me distrugge quando ‘o faje
M’hê ‘mparato a nn’dicere “pe sempe” e manco “maje”
Sto guardanno ‘o vuoto e me ricorda ‘o core tuojo
I’ nun l’aggio visto maje, yeah
Staje ridenno e te facesse cchiù ‘e na foto
Staje appezzano cose ‘e me ca nn’saccio proprio
Scusame si nn’parlo assaje, nun è ca nun me fido ‘e te
Ma tu nun te fide ‘e me maje

Tu faje comme vuó tu e a me me piace accussì pecché
Jesse a murí pe’tté dimane si tu vuó
Ma tu nn”o facisse pe’mmé mentre i’ ‘o facesse pe’tté
Pecché muresse pe’tté pure si nun vuó

Tu faje comme vuó tu e a me me piace accussì pecché
Jesse a murí pe’tté dimane si tu vuó
Ma tu nn”o facisse pe’mmé mentre i’ ‘o facesse pe’tté
Pecché muresse pe’tté (Yeah) pure si nun vuó (Ah)

Songo ‘e quatto â matina, ma ancora nun veco ‘o sole
Tu faje apposta che more sempe ogne vota che vuó
Ce dicimmo brutti cose e po ce ne rendimmo conto (Yeah)
M’hê prumesso tanti ccose
Staje currenno, venenno addu me, ma nun scengo
Fin’e mo, saje, pe’tté nn’esistevo pecché nn’esisteva nisciuno oltr’a te
Ce facettemo una prumessa, iniziajemo ‘e nove e fernettemo ‘e tre
Una cosa è reale ca i’ e te sicuramente nn’simmo fatte pe nuje
Tu sî fatta apposta pe’mmé
Tu me faje male e bene, po te faje male e bene
Ma nun ce stongo pure stavota
Me puorte ‘n aria e ‘nterra pecché te piace accussì
Ma nun ce stongo pure stavota

Tu faje comme vuó tu e a me me piace accussì pecché
Jesse a murí pe’tté dimane si tu vuó
Ma tu nn”o facisse pe’mmé mentre i’ ‘o facesse pe’tté
Pecché muresse pe’tté pure si nun vuó

Tu faje comme vuó tu e a me me piace accussì pecché
Jesse a murí pe’tté dimane si tu vuó
Ma tu nn”o facisse pe’mmé mentre i’ ‘o facesse pe’tté
Pecché muresse pe’tté pure si nun vuó

(Tu faje comme vuó tu e a me me piace accussì pecché)
(Jesse a murí pe’tté dimane si tu vuó)
(Ma tu nn”o facisse pe’mmé mentre i’ ‘o facesse pe’tté)
(Pecché muresse pe’tté pure si nun vuó)