Amanda Lear, nuovo disco in francese. E parla di Madonna, Maneskin e Achille Lauro…

Amanda Lear si racconta parlando del suo nuovo disco, in francese. E parla di Madonna, Maneskin e Achille Lauro… Ecco le dichiarazioni

Amanda Lear si è raccontata in un’intervista per il sito Tpi, annunciando ufficialmente l’uscita del suo nuovo album in francese, previsto per settembre 2021:

Canto classici di grandi autori, come Gainsbourg, in versione quasi Unplugged, con la chitarra e il piano. Uscirà a settembre. Intanto oggi è uscito More, il primo singolo che è un brano di Riz Ortolani della colonna sonora di Mondo cane, un film degli anni ’60 ormai dimenticato

Nell’occasione, la cantante ha anche parlato della sua intenzione di non rilasciare più album dal sapore dance/disco:

“Fortunatamente ho una bella casa nel sud della Francia e sono stata sempre sola. Venivano solo a portarmi i giornali. Stavo con i miei gatti e i quadri. E ho preparato il mio nuovo disco che è una svolta. Mi sono detta: basta disco. Non voglio mica ridurmi come Madonna che a 200 anni ancora è lì con i ballerini e i ventilatori nell’extension a sculettare

L’attrice e cantante, vaccinata recentemente per via della pandemia da Covid-19, ha ribadito di non aver avuto nessun effetto collaterale, sempre col suo tono ironico che l’ha fatto amare in tutto il mondo:

 Tutti mi dicevano ‘attenta che avrai reazioni avverse’, invece a me ha dato una grande energia. Magari dentro ci sono pure le vitamine! Poi se tra tre mesi mi crescono i baffi non lo so.

Amanda, in base ai primi progetti, doveva anche partecipare al Festival di Sanremo 2021 nella serata cover, con i Maneskin. Al suo posto, invece, Manuel Agnelli:

Dovevo anche andarci. Mi avevano chiamato i Maneskin, che non conoscevo, per duettare su Amandoti. Solo che non c’erano soldi e gli ho detto: ragazzi, sapete oggi quanto costa anche solo un paio di ciglia finte? E allora hanno preso quel tipo con la barba. Comunque li ho amati molto

E sui volti che hanno animato il recente Festival, la Lear ha le idee sempre chiare:

Achille Lauro non lo amo molto, mi sa tutto già di visto e stravisto. Orietta (Berti, ndr), invece, è sempre simpatica. Non se la tira. E’ cosciente del suo pubblico e da dove viene.

 

I Video di Soundsblog