Aaron Carter è morto a 34 anni

Aaron Carter, fratello minore di Nick Carter dei Backstreet Boys, è deceduto nella sua casa in California all’età di 34 anni.

Aaron Carter, cantante e rapper statunitense, fratello del più famoso Nick Carter dei Backstreet Boys, è morto sabato pomeriggio nella sua abitazione di Lancaster, in California. Il giovane, secondo quanto riferito da TMZ che per primo ha dato la notizia, è stato trovato senza vita nella vasca da bagno e a nulla sono valsi i tentativi di rianimarlo: l’artista è stato dichiarato morto sul posto.

Carter, classe 1987, deve l’inizio della fama al suo fratello maggiore. Fu proprio grazie a Nick Carter che il giovane Aaron esordì aprendo un concerto dei Backstreet Boys nel marzo 1997 a Berlino: in quell’occasione Aaron Carter eseguì una cover di “Crush On You” dei Jets e in poco tempo fu messo sotto contratto. Il primo singolo, proprio “Crush On You“, fu pubblicato nell’autunno di quell’anno e il primo album, intitolato Aaron Carter, fu rilasciato il 1° dicembre di quell’anno.

Nel 2000 arrivò il secondo album in studio, “Aaron’s Party (Come Get It)“, e in quel periodo arrivarono anche le prime partecipazioni televisive ad alcune serie di Disney Channel, a cominciare da Lizzie McGuire, e l’esordio a Broadway nel musical Seussical.

A 13 anni, era il 2001, uscì il terzo album in studio, ”Oh Aaron”, mentre l’anno successivo fu rilasciato il quarto album “Another Earthquake!“. Nel 2006 partecipò al reality show House of Carters insieme ai fratelli e le sorelle Nick, B.J. Leslie e Angel Carter.

La carriera musicale e televisiva di Aaron Carter proseguì tra alti e bassi anche negli anni successivi, mentre i demoni personali del giovane artista si facevano sempre più palesi. Nel 2008 fu arrestato per eccesso di velocità e possesso di marijuana, mentre nel 2017 finì in manette per guida in stato di ebbrezza. In quello stesso anno Carter si dichiarò bisessuale e, in alcune apparizioni televisive, parlò in maniera aperta dei suoi problemi con le sostanze stupefacenti, malattie a trasmissioni sessuale.

Nel 2018 Carter decise di disintossicarsi facendosi ricoverare in un centro di Malibu e l’anno successivo rivelò di aver ricevuto la diagnosi di schizofrenia e disordine bipolare. Sempre molto attivo sui social, Aaron Carter decise di aprire un account su OnlyFans nel 2020, facendosi pagare tra i 50 dollari e i 100 dollari per foto di nudo.

Nell’agosto 2021 annunciò in grande stile di esser entrato a far parte del cast di Naked Boys Singing a Las Vegas, ma fu lasciato a casa per essersi rifiutato di vaccinarsi contro il COVID-19. Nell’ultimo periodo i tanti fan che quotidianamente lo seguivano sui social avevano manifestato preoccupazione per il comportamento del giovane cantante, spesso alterato durante le sue dirette.

Sabato 5 novembre, tre giorni dopo la sua ultima apparizione in un podcast, la tragica notizia. La compagna di Aaron Carter, Melanie Martin, ha dichiarato:

Il mio futuro sposo Aaron Carter è deceduto. Amo Aaron con tutto il mio cuore e sarà difficile crescere un figlio senza padre. Vi chiedo di rispettare la privacy della mia famiglia mentre affrontiamo la perdita di qualcuno che amiamo enormemente.