Fedez e J-Ax, Comunisti col rolex: conferenza stampa in diretta

La conferenza stampa dell’album di Fedez e J-Ax.

  • 11.37

    Andrea Rosi: “E’ un disco coraggioso”.

  • 11.37

    Fedez: “Benvenuti a casa mia. Perché siamo qui? Perché abbiamo finito tutto il budget con il videoclip di Piccole Cose, è uno dei video più belli mai usciti. Il video l’ho scritto io insieme a Mauro Russo”.

  • 11.38

    Perché il disco insieme? Fedez: “Nasce da una convivenza forzata che dura da quattro anni con Newtopia. Da quattro anni, da quando abbiamo iniziato la nostra avventura, abbiamo iniziato un’esperienza rischiosa che ci ha dato tanto. Fare un disco insieme era pressoché inevitabile”.

  • 11.40

    Ax: “Questo disco ci ha dato la possibilità di sperimentare e fare cose che nei nostri dischi solisti non avremmo potuto fare. E’ stata un’esperienza gratificante dal punto di vista artistico. E’ un disco molto emotivo, diversamente dai miei album da solista”.

  • 11.41

    Il titolo. Fedez: “Ci hanno chiamati spesso così, facendo leva sull’idea di artisti imborghesiti. Si tratta di una polemica annosa e tutta italiana, volevamo glorificare questa cosa. Comunisti col Rolex è il singolo del nostro riscatto sociale. Cercare l’incoerenza tra gli artisti è inutile, non troverete neppure un artista coerente”. Ax: “Noi abbiamo preso quello che per gli altri è un dispregiativo e l’abbiamo trasformato in un merito. Musica del cazzo, uno dei brani del disco, rappresenta questo concetto”.

  • 11.43

    Le collaborazioni. Fedez: “Sono tante, sono state delle scelte naturali. Abbiamo scritto e finalizzato tutti i brani, una volta avuto il brano ci siamo chiesti quali sarebbe potuto essere l’artista migliore. La collaborazione con Loredana Bertè è stata la più difficile e più riuscita, ascolterete una Bertè inedita”. Ax: “Per la prima volta nella mia carriera sapevo che chiunque avrebbe accettato. Abbiamo deciso di non farci dare limitazioni da parte dei management degli artisti”.

  • 11.50

    Il ritornello del brano con Loredana Bertè è stato scritto da Calcutta. “Le strofe sono scritte rigorosamente da noi. La produzione è stata curata da Takagi e Ketra, sono i migliori produttori di questo momento in Italia”. Ax: “Fare entrare l’ego di entrambi in uno studio non è facile, loro sono stato l’ago della bilancia”.

  • 11.52

    Tra gli autori e produttori degli incisi ci sono Federica Abbate, Danti, Calcutta (due brani), Petrella, Casalino.

  • 11.53

    Ci fanno sentire Musica del cazzo. Fedez: “Abbiamo sperimentato tanti mondi, anche non comodi. Abbiamo fatto quello che ci piaceva, anche sperimentando il punk”.

  • 11.57

    Ax parla di Assenzio: “Assenzio dura 5 minuti, rappiamo 24 barre a testa, ha 3 ritornelli. Lo chiamano suidicio discografico, vi sfido a trovare qualcosa di simile. Non dico che è un brano bello o brutto, ma è sicuramente complesso. Non seguiamo una formula o quello che il pop ci dice di fare”. Assenzio è vicino al secondo disco di platino, “inaspettato”.

  • 12.00

    Il tour. “E’ organizzato dal buon Clemente Zard. Abbiamo già venuto oltre 107mila biglietti. Tutte le prime quindici date stanno andando sold out. Facciamo gli stessi numeri degli U2, mi vanto di questa cosa (scherza, ndr)”. Ax: “Sta andando da Dio”.

  • 12.02

    Via alle domande. “Quest’estate faremo dei Festival estivi”.

  • 12.08

    “Paolo Jannacci verrà in tour con noi, farà piano e tastiere. Ha suonato in Comunisti col Rolex”.

  • 12.08

    Senza pagare “sarà la hit della prossima estate. Non glorifica il crimine, il ritornello è usato come una metafora. In Italia il lusso supremo è scroccare”.

  • 12.13

    Italia per me, cantato con Sergio Sylvestre, “è un pezzo voluto da Ale. Abbiamo deciso di fare un brano dove si parla bene dell’Italia, parlando di quello che ci piace… forse risultare fascisti. E’ il contrario del disfattismo di Pop Hoolista”. Ax: “L’Italia buona c’è, esiste, ed era il caso di parlarne”. Nel testo vengono citati la Cristoforetti, De André, Falcone e Borsellino.

  • 12.15

    Salvini è citato in tre brani (in uno paragonato a Trump). Ax: “E’ diventato un intercalare. Trump è più pericoloso al momento ma sono figli della stessa società”.

  • 12.22

    Pieno di Stronzi “è un adattamento, il brano originale è di una band ska-punk californiana che in pochi conoscono. Era un brano che ci piaceva, così abbiamo mandato una mail al loro management e abbiamo ricevuto una risposta dopo quattro mesi. E’ stato il brano più difficile da scrivere per mantere quella melodia”.

  • 12.27

    Chi sono i ‘comunisti col rolex’ in politica? La domanda è di Simona Voglino di Libero, “ho fatto venire Libero a casa mia, scrivetelo”. Fedez: “Mi asterrei”. Ax: “Se un politico di sinistra propone cose di sinistra e dice cose di sinistra, va bene anche che abbia il rolex. Il problema è se hanno il rolex e non dicono cose di sinistra. Vincono Trump e Salvini perché la gente vuole veder cambiare la sua vita fra un mese, non fra cinque anni. Quando c’era Renzi mi aspettavo qualcosa di sinistra che non arrivava”.

  • 12.32

    Movimento 5 stelle Michelin era uno dei titoli papabili dell’album. Ax: “Senza gli haters saremmo in mezzo alla strada”.

  • 12.33

    Fedez chiarisce la rima su Ferro: “Non ho nulla contro Tiziano, non mi sono mai permesso di criticarlo artisticamente. E neppure Lorenzo (Jovanotti, ndr), lo stimo. Come si fa nel rap, ho utilizzato Tiziano per mettere in luce i due pesi e le due misure della stampa. Quando ho pubblicato la foto di casa mia, hanno detto che io sputavo sulla miseria. Cosa non vera. Tiziano ha comprato un attico qua a fianco e nessuno ha scritto mezza riga. Da qui, i due pesi e le due misure. Nessuno dice un cazzo a chi ha un passato con problemi fiscali”.

  • 13.35

    La conferenza è finita qua.

Questa mattina si terrà la conferenza stampa di presentazione di Comunisti col rolex, il nuovo album di Fedez e J-Ax. Sedici brani, otto featuring: come sarà il primo album congiunto dei due rapper?

Soundsblog seguirà la conferenza stampa in diretta.

Ultime notizie su Novità discografiche

Tutto su Novità discografiche →