Strage Nizza, annullati il concerto di Rihanna ed il Nice Jazz Festival

Dopo la strage di Nizza, Rihanna ha annullato il concerto che si sarebbe dovuto tenere nella città questa sera, così come è stato cancellato anche il Nice Jazz Festival

La strage di Nizza, che ha provocato 84 vittime e numerosi feriti (tra cui potrebbero essere anche alcuni italiani, sebbene la Farnesina al momento non abbia conferme), ferma l’intera Francia e non solo. Dopo l’attentato del 13 novembre scorso, un altro attacco colpisce una città francese, per mano di un 31enne franco-tunisino che, la notte scorse, a bordo di un camion ha ucciso 84 persone, seminando il caos nella città, ora al centro dell’attenzione mediatica internazionale.

L’attentato è avvenuto pochi minuti dopo le celebrazioni per il 14 luglio, festa nazionale in Francia. Anche a Nizza, quindi, si festeggiava: ma la città era pronta anche a dare il via ad un fine settimana di musica e concerti che, ovviamente, sono stati annullati.

Questa sera, all’Allianz Stadium, era previsto infatti un concerto di Rihanna, in Europa per il suo Anti tour (che è passato per Milano pochi giorni fa). La cantante, che si trovava già a Nizza, è al sicuro, dicono i membri del suo staff. Per rispetto di quanto accaduto, però, ha deciso di cancellare il concerto, come ha annunciato su Instagram:

“A causa dei tragici eventi a #Nizza, il mio concerto di domani 15 luglio all’Allianz Stadium non si terrà come previsto. I nostri pensieri sono con le vittime e le loro famiglie”.

A Nizza si sarebbe dovuto tenere, da domani a mercoledì, il Nice Jazz Festival, manifestazione dedicata alla musica jazz, con centinaia di artisti ad intrattenere il pubblico al Théâtre de Verdure ed in Place Masséna. Gli organizzatori, però, tramite il sito ufficiale dell’evento, hanno comunicato che il Festival è stato annullato, e che i biglietti saranno rimborsati.

Il Nice Jazz Festival è il primo festival di jazz internazionale che si sia tenuto: nato nel 1948, diventò un’occasione fissa di celebrazione del jazz solo negli anni Settanta, per acquisire sempre più importanza a livello mondiale. L’edizione di quest’anno avrebbe dovuto avere ospiti del calibro di Tiggs Da Author, George Clinton, Cory Henry and the Funk Apostles ed i Massive Attack.

I Video di Soundsblog