I conduttori di San Remo 2011? Belen Rodriguez, Gianni Morandi e Massimo Ranieri

Lo ‘scoop’ arriva da “La Repubblica”, la ventata di novità invece è tutta farina del sacco di mamma Rai. Anche se manca la conferma definitiva, sembra proprio sia questo il trio scelto per condurre l’edizione 2011 del Festival di Sanremo (giunto -con un certo affanno- all’edizione numero sessantadue).Sorpresona numero uno: l’unico nome presente tra quelli


Lo ‘scoop’ arriva da “La Repubblica”, la ventata di novità invece è tutta farina del sacco di mamma Rai. Anche se manca la conferma definitiva, sembra proprio sia questo il trio scelto per condurre l’edizione 2011 del Festival di Sanremo (giunto -con un certo affanno- all’edizione numero sessantadue).

Sorpresona numero uno: l’unico nome presente tra quelli fatti nei mesi passati è Belen Rodriguez. Sorpresona numero due: sarà Gianni Morandi a fare gli onori di casa (sembra che i vertici di viale Mazzini lo abbiano scelto per farsi perdonare la mancata partenza di “Canzonissima” e onorare comunque il contratto). Terza sorpresona: il Gianni nazionale sarà affiancato da Massimo Ranieri.

Una ventata di novità e nuove proposte, insomma: la Rai continua a ignorare lo scorrere del tempo e costruisce il più noto e discusso festival musicale italiano su due artisti illustri che però hanno fatto decisamente il loro tempo. L’unica buona notizia è il probabile ripristino del “Dopofestival” se, al netto dei ‘gettoni’ per gli ospiti, ci saranno abbastanza soldi. In questo caso, i conduttori dovrebbero essere Francesco Facchinetti e Mara Maionchi.

La selezione delle nuove proposte sarà seguita invece da Lorella Cuccarini durante Domenica In, affiancata dal duo Gianmarco Mazzi (il direttore artistico) e il maestro Marco Sabiu. Per il toto-partecipanti vi rimandiamo ai commenti, noi intanto per completare in bellezza l’effetto vintage del tutto, andiamo a rispolverare quel vecchio televisore in bianco e nero che abbiamo in cantina.

Ultime notizie su Italians Do It Better

Tutto su Italians Do It Better →