Whitney – Una voce diventata leggenda, la vita di Whitney Houston – nel film – tra realtà e finzione cinematografica

Whitney Houston, la storia della cantante nel film “Whitney – Una voce diventata leggenda”: cosa è stato romanzato?

Whitney – Una voce diventata leggenda è nei cinema italiani e racconta la storia di Whitney Houston, scomparsa l’11 febbraio 2012. La vita della cantante è stata riportata sul grande schermo e il sito Insider ha sottolineato alcuni passati reali e altri “romanzati” presenti nella pellicola. Vi riportiamo alcuni dei più interessanti.

Whitney Houston ha cantato una versione preregistrata di “The Star Spangled Banner” al Super Bowl XXV nel 1991. In quell’anno, l’artista ha interpretato l’inno nazionale al Super Bowl e si stava avvicinando all’apice della sua carriera, a solo un anno e mezzo dall’uscita di “The Bodyguard”. La sua voce morbida e potente era al suo culmine assoluto. Nel film, la Houston telefona a sua madre Cissy, in seguito, chiedendole semplicemente: “Ho fatto del bene?”. Ebbene, in realtà, secondo quanto emerso negli anni a seguire, avrebbe cantato in un microfono spento mentre il pubblico dello stadio e gli spettatori televisivi hanno ascoltato un brano preregistrato quel giorno, secondo quanto raccontato dal produttore dell’inno nazionale Rickey Minor (“Non c’è modo di provare il suono della folla che viene da te. Non sai dove inizia la prima nota”). Le critiche furono però messe a tacere poco dopo dalla Houston quando cantò l’inno nazionale, dal vivo, per i soldati che combattevano nella Guerra del Golfo Persico.

A differenza del film, Houston ha rifiutato la prima proposta di matrimonio di Bobby Brown. Nel film, la cantante si è affrettata a dire “Sì”, nonostante Brown le abbia confessato improvvisamente che la sua ex ragazza era incinta di suo figlio. Ma nella vita reale lei ha inizialmente rifiutato la proposta di Bobby Brown.

“La prima volta che mi ha chiesto di sposarlo, ho detto: ‘Lascia perdere, assolutamente no. Non è semplicemente nei miei piani.’ Dopo circa un anno, mi sono innamorata di Bobby. E quando mi ha chiesto di sposarmi per la seconda volta, ho detto ‘sì'”

La Houston e Brown si sono sposati di fronte a quasi 800 persone nella sua villa di cinque acri da 11 milioni di dollari nel New Jersey nel luglio 1992.

Il film non affronta l’overdose di droga di Houston da quando stava girando “Waiting to Exhale”. Nel 1993, dopo la nascita di sua figlia Bobbi Kristina Houston Brown, la cantante iniziò a passare le sue giornate a sballarsi con Brown. Due anni dopo, durante le riprese di “Waiting to Exhale”, finì in overdose sul set. E quando stava girando “Uno sguardo dal cielo” con Denzel Washington nel 1996, drogarsi era “una cosa di tutti i giorni”, ha poi detto a Oprah nel 2009. “Stavo perdendo me stessa”, ha confessato. Nel film, l’uso di droghe di Houston è certamente affrontato, ma è visto come un problema che è andato fuori controllo alla fine degli anni ’90 e all’inizio degli anni 2000.

Whitney-Houston
Whitney-Houston

Nella realtà, Whitney Houston alla fine ha perdonato suo padre per aver tentato di farle causa per $ 100 milioni. Il padre della Houston ha gestito il gruppo vocale di sua madre, i Sweet Inspirations, prima di diventare il direttore aziendale di Houston e CEO della sua società di gestione, Nippy Incorporated. Il padre della cantante ha tentato di citare in giudizio Whitney per $ 100 milioni per il suo aiuto nel negoziare un contratto discografico da $ 100 milioni con Arista e altri servizi di gestione. Nel film sembra che il loro rapporto si fosse interrotto. Ma la Houston aveva rivelato che i due alla fine avevano fatto pace.

“Ci sono stati anni in cui non ci siamo parlati affatto ma quando si è ammalato, sono andata in ospedale e ho detto: ‘Finiamola adesso'”, ha detto a Oprah nel 2009, chiarendo che aveva perdonato suo padre.