No satisfaction, Ermal Meta: testo e video ufficiale della canzone

No satisfaction, Ermal Meta: il significato della canzone, il testo del nuovo singolo in uscita il 15 gennaio 2021 (prima di Sanremo)

E’ uscito “No satisfaction”, il nuovo singolo di Ermal Meta che anticipa la sua partecipazione al Festival di Sanremo 2021 e la pubblicazione del suo disco di inediti previsto per la prossima primavera. Potete vedere il video ufficiale  (girato a Milano in zona Centrale e Porta Venezia) cliccando qui, a seguire il testo della canzone e il significato.

Io che vivo di consensi
Io che vendo i sentimenti
Io che piango e stringo i denti
Io che veni, vidi e persi
Io che scavo con le mani
Nelle tasche dei parenti
Tu che vivi e non lo senti
E mi dai suggerimenti
Io che scaldo l’atmosfera
Ma son solo anche stasera
Tu che studi per passare
Io che passo per fuggire
E mentre stringo le sue mani
Che hanno odore di altre mani
Non trovo più satisfaction
Non trovo più satisfaction
In questa new generation
No satisfaction
Tu che ridi e sembri iena
Io che urlo e sembro scimmia
Tu che incidi sulla schiena
Ogni tipo di avventura
Io mi aggrappo ad ogni scusa
Tu che gli altri non importa
Quella è la porta
Non trovo più satisfaction
Non trovo più satisfaction
In questa new generation
No satisfaction
No satisfaction
Siamo macchine perfette
Di parole, di saette
Siamo macchine inventate
Da una mente un po’ animale
Che un battito e un ruggito
Sono entrambi un rituale
Per chi perde e per chi vince
Il premio è uguale
No satisfaction
No satisfaction
Avanti un altro come me
Siamo la new generation
Ma tu che cosa vuoi da me
Non trovo più satisfaction
No satisfaction
Ma tu che cosa vuoi da me
No satisfaction
Ma tu che cosa vuoi da me

No satisfaction, Ermal Meta: il nuovo singolo ci ricorda che “per chi perde, per chi vince, il premio è uguale”

Ermal Meta torna in radio con il nuovo singolo, No satisfaction, a partire da venerdì 15 gennaio 2021.

A distanza di 1.072 giorni dalla pubblicazione dell’ultimo album di inediti, quel “Non abbiamo armi” che includeva “Non mi avete fatto niente”, vincitore con Fabrizio Moro di Sanremo 2018, sarà questo il primo pezzo che anticipa l’uscita del nuovo disco di inediti e anche il suo ritorno, in gara, al Festival di Sanremo 2021 con “Un milione di cose da dirti”.

Il brano inaugura il suo nuovo percorso, che passo dopo passo e canzone dopo canzone lo porterà al nuovo album, di prossima uscita, raccontato così dall’artista:

Un nuovo percorso in tutti i sensi; la canzone che non ci si aspettava, le parole che si attaccano addosso come tatuaggi tribali, un nuovo sound che fa sognare ad occhi aperti il momento nel quale verrà suonata dal vivo e finalmente si potrà sudare con lei.

“No satisfaction” si basa su pochi concetti essenziali e fotografa in maniera precisa e spietata il nostro – qualsiasi – quotidiano, ricordando una cosa che tutti dimenticano:

per chi perde, per chi vince, il premio è uguale

ERMALMETA_nosatisfaction_bassa

La copertina che accompagna il singolo mostra un Ermal Meta quasi inginocchiato, come pronto a partire, mentre dei raggi laser di luce, “infuocano” il titolo della canzone.

Per Ermal Meta, classe 1981, è la terza partecipazione al Festival tra i Big. L’avventura a Sanremo è però arricchita da una serie di presenze nella categoria Nuove Proposte. Prima nel 2006 con il gruppo Ameba 4 (il brano Rido… forse mi sbaglio fu eliminato alla prima serata) e poi nel 2016, dove si era piazzato al terzo posto (vinse Francesco Gabbani) con il brano Odio le favole. Nel mezzo il Festival di Sanremo 2010, in cui prese parte con la band La Fame di Camilla e il brano Buio e luce.

Nel 2017 vi ha preso parte tra i Big con il brano Vietato morire, che si è posizionato al terzo posto e si è aggiudicato il Premio della Critica Mia Martini. Un anno dopo, nel 2018, ha vinto il Festival in coppia con Fabrizio Moro con il brano Non mi avete fatto niente.

Pochi mesi dopo, all’Eurovision Song Contest, insieme a Moro, ha raggiunto il quinto posto.

I Video di Soundsblog