Jesy Nelson, intervista sul The Guardian: il singolo Boyz, X Factor Uk, l’odio sui social, le lacrime e i rapporti con le Little Mix

Jesy Nelson si racconta in una lunga intervista al The Guardian: difficoltà a X Factor Uk, le offese sui social, le lacrime e le Little Mix

A pochi giorni di distanza dall’annuncio del rilascio del nuovo disco delle Little Mix, Between Us, composto dai più grandi successi della band e alcuni pezzi inediti, ecco l’intervista di Jesy Nelson per il The Guardian. L’ex componente del gruppo inglese, si è raccontata senza filtri, parlando della sua esperienza a X Factor Uk, dell’ondata di critiche e odio sui social, i momenti difficili e i rapporti con le ex colleghe.

X Factor Uk, il successo e le critiche sui social

Jesy Nelson ha ricordato il boom ottenuto a X Factor Uk quando le quattro cantanti sono state messe insieme per formare una girlband, appunto le “Little Mix”. Arriva la fama ma anche i primi commenti spietati e violenti via social:

“La prima cosa che ho letto su di me è stata: ‘Sono io o quella ragazza sembra disabile?‘ La successiva ha detto che sembravo davvero un topo. E quello dopo era: ‘Dio, il suo viso sembra deformato’. Quando non hai mai avuto problemi con la tua faccia e poi ti rendi conto che le persone dicono queste cose su di te… Pensi che se lo dicono tutti, deve essere vero.

La notte in cui Little Mix vinsero X Factor, Nelson, allora ventenne, pianse e desiderò di essere a casa con sua madre.

Ai tempi delle audizioni, ricorda di essere passata con 3 voti favorevoli dei giudici e uno contrario, quello di Gary Barlow, che era giudice capo in assenza di Simon Cowell.

Gary mi odiava. Era tipo, ‘Oh Jesy, ho trovato quell’audizione terribile. La tua voce è molto generica”

E sottolinea di essersi sentita sola più che mai in quei momenti a XfFactor Uk:

“Quando stavo lottando, sentivo che non c’era nessuno con cui potevo parlare. Eravamo quasi delle bambine: Perrie aveva 17 anni, io 20. Spero che programmi come questi ora si assumano maggiori responsabilità. È così importante perché nessuno ti prepara per quello che stai per affrontare. Penso che dovrebbero avere un terapista lì e – che ti piaccia o no – mentre sei in quel processo devi andare a vederli e parlarci.”

Il momento più felice con le Little Mix

“Quando siamo state messe insieme per la prima volta, prima di tutte le cose apparse poi in TV. Vivevamo tutte nel pub della mamma di Perrie nell’Essex e, penso che per tutti noi, sia stato il momento più magico. Era così nuovo e non sapevamo cosa sarebbe successo. Sognavamo semplicemente come sarebbe stato. Andavamo tutti a Camden e compravamo abiti coordinati. Non c’era niente di male. Andava tutto bene”.

Questo era prima che gli episodi andassero in onda, prima che qualcuno sapesse della loro esistenza

“Sì, ma non fraintendermi. Non cambierei ancora il mio viaggio, mi ha reso quello che sono oggi. Ma ci sarà sempre una persona in un gruppo che si sente “meno” degli altri. Sarei molto sorpresa nel sentire di una band in cui tutti si sentivano uguali. Non credo sia possibile, perché verrai sempre confrontato; chi pensano sembri migliore, chi pensano canta meglio. Ci sarà sempre una persona che la gente pensa sia più debole”.

Il rapporto di dipendenza con i social

Jesy Nelson

Jesy racconta di essersi convinta, nel 2013, che doveva leggere tutto quello che le dicevano di negativo sui social: la conoscenza era potere e lei si stava armando. Ora ha compreso quanto fosse malsano.

“Era come una droga. Lo leggevo ogni giorno. Nel momento in cui mi alzavo era la prima cosa che facevo. Digitavo “Jesy Nelson” e poi “Jesy Nelson grassa” o “Jesy Nelson brutta” e leggevo quello che tutti dicevano di me. Stavo cercando di prepararmi mentalmente per quello che sarebbe successo e di abituarmi a quello che la gente diceva di me”

Era terrorizzata all’idea di uscire e le sue assenze furono notate dalla stampa.

“Quando era sui giornali che non mi presentavo al lavoro, era solo, ‘Oh, Jesy non sta bene’, ma in realtà mi stavo nascondendo. Non volevo essere paparazzata perché ero così insicura riguardo al mio aspetto. Ci sono state volte in cui non volevo che nessuno mi guardasse. Sentivo che tutti mi odiavano. Non sapevo cosa stavo facendo di sbagliato, e mi consumava”

Riguardo sempre all’immagine e al peso, ricorda, dopo un periodo di dieta “sbagliata”, di una foto apparsa sul Daily Mail, in cui dicevano che aveva perso peso:

Tutti i commenti erano “Oh mio Dio, è troppo magra, ha un aspetto orribile” e ricordo di essermi sentita così felice perché è tutto ciò che avrei sempre voluto. Ora mi guardo indietro, è follia. Sono andata da una terapista e lei mi ha detto: “Sai che è un disturbo alimentare, vero?” Non ho mai realizzato che bere Diet Coke per una settimana fosse un disturbo alimentare. Il mio manager ha detto: ‘Jesy, sei così piccola, hai dismorfismo corporeo.’”

Le ragazze la confortavano, la rassicuravano ma lei non le ascoltava:

“Sì, sempre, ma non mi importava perché tutto ciò che leggevo era il contrario”.

Il cambio di etichetta discografica come “danno collaterale”?

Nel 2018 un litigio tra la società di gestione, Modest!, e la loro etichetta discografica, la Syco di Simon Cowell, ha portato a un trasferimento alla RCA, un’altra etichetta sotto la Sony Music. Nelson dice che per le Little Mix è stato il danno collaterale.

“L’incidente che ci ha portato a lasciare l’etichetta non ha nulla a che fare con noi come band. Aveva a che fare con altre persone che lavoravano per noi. Non volevamo andarcene. E’ stato uno schifo perché amavamo tutte la nostra squadra. Quando le Little Mix hanno iniziato siamo stati molto autentiche. Entravamo e scrivevamo insieme, ma quando siamo invecchiate e abbiamo cambiato etichetta, ci siamo un po’ perse d’animo. Ci hanno dato delle canzoni e io le odiavo. Ero tipo, ‘Non voglio farne parte e cantarle, non mi piace la canzone’. Non voglio mai essere un artista che pubblica qualcosa in cui non credo”

Il periodo del lockdown e il ritorno sul set per il video di “Sweet Melody”

Jesy Nelson little Mix

Il periodo del lockdown viene ricordato da Jesy come un momento “felice” poiché al sicuro, insieme alla sua famiglia, lontano da occhi indiscreti, commenti, paparazzi, insicurezze.

A ottobre, però, le Little Mix sono tornate al lavoro per realizzare il video per il singolo Sweet Melody.

“Durante il lockdown ero diventata un porcellino e mangiavo tutto quello che volevo, e poi due settimane prima si erano messe in contatto con noi, ‘Oh, dovete girare un un video musicale.’ Io avevo messo su peso. Il panico è stato esacerbato dallo stile del video. Erano tipo, ‘Devi indossare un bikini!’ Ovviamente, non “dovevo” indossarlo, ma sapevo che non potevo essere in un video con gli altri tre in bikini e io in un abito. Ero in uno stato tale da dover perdere peso in due settimane e indossare un bikini. Sono tornata al lavoro ed ero davvero giù

Alla fine, ha indossato un corsetto mentre le altri hanno mostravano i loro ombelichi. Nelson era spesso vestito in modo diverso. Se le altre indossavano il bianco, aveva spesso un colore nero.

Non ho mai voluto indossare il bianco perché pensavo che il bianco mi facesse sembrare grassa. Quindi mi sarei vestita di nero e ci sarebbe questa battuta costante online tra i fan: “Oh, qualcuno ha dimenticato di dire a Jesy del promemoria bianco”

Poco prima che le Little Mix apparissero al Live Lounge di BBC Radio 1, Nelson ha avuto un attacco di panico e Perrie Edwards ha dovuto prendere il suo posto. Li aveva avuti in precedenza, ma mai legati alle performance.

Avevo questi attacchi di panico dal nulla. Non riuscivo a capire cosa stesse succedendo. Sono arrivato al punto in cui ho pensato, questo è troppo, ho bisogno di uscirne adesso”

Tornando al video di “Sweet Melody”, nell’intervista, Jesy Nelson scoppia a piangere:

“Ho fatto il video musicale e ho avuto un attacco di panico, ed è stato abbastanza mentale quel giorno. Dio, non ne ho davvero parlato e mi sto arrabbiando. Scusate. Dopo il video sono semplicemente tornata in un posto davvero buio e sono finita di nuovo in ospedale. Fu allora che mia madre disse: “Basta”. Avevo già deciso. Poi le ragazze hanno parlato con la mamma e hanno detto: “Pensiamo che Jesy dovrebbe uscirne adesso. Deve badare a se stessa. So che ci sono persone che pensano che io abbia deluso le altre ragazze e che io sia così egoista, ma penso che arrivi un momento nella vita in cui devi essere egoista e badare a te stesso, ed è stato davvero influenzandomi mentalmente.”

I rapporti con le Little Mix e il pensiero sul loro futuro in 3…

Alla domanda sul futuro che vede per le ex colleghe, la Nelson dichiara:

“Penso che si prenderanno cura dei loro bambini, se ne andranno e faranno le loro cose per un po’, poi torneranno insieme. Penso che siano grandiose come trio. Lo stanno ancora facendo per il potere delle ragazze. Le amo ancora. Erano come mie sorelle”.

Nonostante questo, non sembrano essere rimaste in contatto.

“No, non tanto. Non adesso. Penso che tutti abbiamo bisogno di tempo. È una cosa grande quella che è successa”.

Boyz, il singolo solista di Jesy Nelson

Manca poco, intanto, all’esordio come solista di Jesy Nelson con il brano Boyz:

“In un gruppo, non puoi mai davvero mostrare chi sei perché ti viene assegnata una parte. Quindi ora lo sto facendo, posso cantare come voglio”.

Boyz è influenzata dall’R&B, con un elemento di hip-hop inserito per buona parte (incluso un sample da Bad Boy For Life di P Diddy.) Nella canzone, scritta in collaborazione con i produttori Loose Change, si definisce attratta da cattivi ragazzi.

“Tutti tranne uno mi hanno trattata in modo così adorabile, come una principessa. Ma dopo un anno mi annoio un po’ e loro diventano miei amici. Sono sempre più attratta da qualcuno che mi tiene sulle spine, è questo che mi eccita”