Sanremo 2010: ecco il testo definitivo di "La Verità (Eluana)" di Povia:

Povia

Manca ormai poco alla 60esima edizione del festival che, nel bene e nel male riesce ancora a far discutere. Forse più per questioni legate a scandali e polemiche che per la musica proposta, eppure non si scappa: ogni anno siamo qui a parlarne. Quest'anno poi, di argomenti da seguire ce ne sono in abbondanza.

Concluso -siamo sicuri?- l'affaire Morgan, bandito definitivamente dal Festival dei Fiori 2010 dopo le sue imprudenti dichiarazioni sull'utilizzo delle droghe pesanti, torna alla ribalta un altro dei temi 'caldi' di cui c'eravamo occupati.

Parliamo di Povia, già abituato ad alzare polveroni mediatici (la sua Luca era gay fu un esempio di come sfruttare tematiche delicate a favore di un brano in gara), che quest'anno ci riprova con "La Verità", una canzone dedicata alla triste vicenda di Eluana Englaro. Molte voci erano circolate sul possibile testo. Noi vi avevamo proposto la versione più accreditata. Ora invece, dopo una successione di smentite e accuse -anche da parte di altri cantautori- arrivano i versi ufficiali. Li trovate dopo il salto. Diteci la vostra opinione nei commenti.

Povia
"La Verità (Eluana"

Mamma papà ora vi vorrei parlare, solamente dell’amore
l’amore che mi avete dato per tutta la vita
e dirvi che continuerò ad ispirarvi perchè il vostro cuore è immenso
perchè il vostro cuore vola
vola sopra le parole, sopra tutte le persone
sopra quella convinzione di avere la verità, la verità.

Padre, ora tienimi la mano
tienila vicino al cuore e potrai sentire che ti amo
e mentre il mondo va rumore, mentre il mondo può vedere il sole
non voglio più dormire in fondo al mare
chiedo solamente di volare
volare sopra le parole, sopra tutte le persone
sopra quella convinzione di avere la verità, la verità.

Ora posso amare, ora, ora posso correre e giocare, ora
vola sopra le parole, sopra tutte le persone
sopra quella convinzione di avere la verità.

Mamma, che ne sanno del dolore di quello che si può provare
per una disperata decision
di quando avevi tu vent’anni,
fatti di progetti e sogni
in cui desideravi un figlio che cambiava la tua vita
e che stringevi forte al cuore e poi vedevi camminare
e lentamente costruire la sua vita con dignità.

Ora posso amare, ora, ora posso correre e giocare, ora
vola sopra le parole, sopra tutte le persone
sopra quella convinzione di avere la verità.

Mamma, papà, un giorno ci rincontreremo,
e ci stringeremo forte e faremo tante cose.
Quando sentirete un brivido che corre sulla vostra pelle
è lì che sarò presente
la vostra bambina per sempre.

Ora posso amare, ora, ora posso correre e giocare, ora
vola sopra le parole, sopra tutte le persone
sopra quella convinzione di avere la verità.

  • shares
  • Mail