Ludovico Einaudi: “Nightbook” debutta alla 73 in Inghilterra

Un po’ di patriottismo fa sempre bene e quindi se un nostro artista (valido o meno che sia) riesce a conquistare i mercati più ostici, non possiamo fare altro che parlarne. L’abbiamo già fatto con i Bloody Beetroots e i loro grandi risultati in Australia (a proposito, questa settimana salgono dalla 50 alla 44) e


Un po’ di patriottismo fa sempre bene e quindi se un nostro artista (valido o meno che sia) riesce a conquistare i mercati più ostici, non possiamo fare altro che parlarne. L’abbiamo già fatto con i Bloody Beetroots e i loro grandi risultati in Australia (a proposito, questa settimana salgono dalla 50 alla 44) e lo rifacciamo oggi con Ludovico Einaudi.

L’Australia è un mercato importante (più di quello italiano, per capirci) ma nettamente inferiore a quello inglese. Bene, Ludovico Einaudi questa settimana è riuscito ad entrare nella gloriosa classifica inglese degli album più venduti con il suo “Nightbook” (che da noi sta facendo registrare ottimi risultati). Il compositore/pianista torinese ha debuttato alla posizione 73 (2606 le copie), che può sembrare una posizione bassa ma va ricordato che Andrea Bocelli a parte, se la memoria non mi inganna, nessun’altro artista italiano è mai arrivato così in alto.

Dopo il salto trovate il brano “Indaco”, tratto da “Nightbook”. Lasciatevi trasportare dalle note.

Ultime notizie su Italians Do It Better

Tutto su Italians Do It Better →