Macklemore & Ryan Lewis, nuovo album entro il 2015

Il duo trionfatore con The Heist nel 2012 è pronto a pubblicare il nuovo lavoro in studio entro la fine dell’anno: in una lunga intervista, hanno spiegato anche cosa abbia ritardato la scrittura dell’album.

Macklemore & Ryan Lewis, nuovo album in arrivo. Lo avevamo già anticipato qualche mese fa, poi la primavera e altri dischi hanno messo giustamente sotto silenzio il processo creativo del seguito del pluripremiato The Heist, uscito nel 2012 ed esploso l’anno successivo grazie ad una serie di singoli come Thrift Shop, Can’t Hold Us e Same Love, uno più potente dell’altro.

Attutite le questioni razziali sull’hip hop che avevano tenuto banco dopo le premiazioni di Macklemore & Ryan Lewis, il duo si è rinchiuso in registrazione godendosi il meritato momento di presunto oblio. Le motivazioni sono state spiegate in una lunga, bellissima intervista al magazine Complex, durante la quale Ryan Lewis ha voluto mettere a fuoco il processo creativo di questo nuovo album.

C’è una differenza fondamentale tra questa e la precedente: quando hai più risorse, ci sono meno problemi a sperimentare tutte le idee che hai. Ti permette di realizzare dal punto di vista del suono e dello stile tutto quello che hai in testa, fino a portarlo ad un livello più specifico. […] Quando non hai limiti alla creatività, di solito ti ritrovi con montagne e montagne di materiale da analizzare.

Ryan Lewis è un produttore vecchio stile, di quelli che ancora studiano i metodi di produzione del passato -e ha citato Led Zeppelin, Pink Floyd, Beatles, Queen- per trarne insegnamento. Cosa che ha fatto anche per questo nuovo lavoro, impegnandosi a fondo assieme a Macklemore per ottenere il meglio.

Se c’è abbastanza materiale, approfondiamo la canzone e cerchiamo di fare il possibile per renderla esattamente come l’abbiamo immaginata. È stancante. Alcune persone scrivono 35 canzoni e poi dicono “Va bene, ne scegliamo dodici”, per loro è solo una decisione. Per noi, se lavoriamo su qualcosa, deve essere necessariamente in quell’altro modo. C’è una canzone, per questo album, sulla quale stiamo lavorando da un anno e mezzo.

A quanto svelato da Ben Haggerty, vero nome di Macklemore, il nuovo album è a tre quarti di lavoro:

La parte più difficile di un disco è sempre l’ultimo quarto. È il più intenso, il più stressante, quello con più discussioni tra me e Ryan, quello più impegnativo. Siamo in quella fase dove cominciamo a capire che è lavoro, una volta che hai sistemato le canzoni e hai tagliato via le parti che non funzionavano. È il tipo di processo che stiamo attraversando ora. Come trasformiamo questi momenti in canzoni? E come rendiamo le canzoni in un album?

Il ritardo nella produzione è stato dovuto anche alla necessità di un momento di stop personale da parte soprattutto del rapper: recentemente diventato padre dopo un annuncio di gravidanza dolcissimo assieme alla compagna Tricia, Macklemore ha attraversato un momento difficile lo scorso anno, dovuto alla dipendenza da marijuana e da alcuni antidolorifici. Una dipendenza superata proprio grazie alla notizia dell’arrivo del primo figlio.

Ero stressato, non dormivamo mai. […] Non sono in grado di reggere le televisioni, di non poter andare in giro da solo, la privacy.. Volevo solo fuggire via. […] La sobrietà era la botta di cui avevo bisogno. Il momento in cui ho iniziato davvero a riprendermi, la musica è tornata. C’era sempre stata. Le canzoni si scrivono da sole. La mia etica del lavoro si è riaccesa e sono tornato ad essere felice.

Via | Complex