Charli XCX, Sucker: recensione del web e dei lettori

Sucker di Charli XCX: recensioni, opinioni e commenti sul nuovo album.

Sucker è il terzo album in studio di Charli XCX, pubblicato il 15 dicembre 2014. Pochi mesi fa, nel giugno 2014, l’artista ha pubblicato il primo singolo Boom Clap, che fa anche parte della colonna sonora del film Colpa delle stelle. Il brano ha avuto un grande successo in Europa, Oceania e Stati Uniti. Ad agosto è stato poi rilasciato il secondo brano estratto, Break the Rules. Acclamato da buona parte della critica, è stato giudicato il sesto miglior disco dell’anno dalle riviste Rolling Stone e Spin.

E voi avete ascoltato Sucker? Vi ha convinti? Sentiremo ancora parlare di lei nel 2015? Qui sotto il nostro consueto sondaggio e, a seguire, testo e traduzione del pezzo:

[iframe width=”586″ height=”255″ src=”/poll/14192″ frameborder=”0″]

Charli XCX, Sucker, recensioni

New York Daily News: Sucker suona monocromatico ma aiuta Charli ad emergere come personaggio e questo la fa propendere ad essere la risposta britannica a Kesha. Lei la ragazzaccia simpatica del momento.

Boston Globe: Charli suona meglio quando morsica.

Pop Matters: una sorprendente quantità di canzoni qui non ha così tanto motivo di esserci, soprattutto durante la parte finale del disco.

The A.V. Club: C’è maturità e profondità nella scrittura e nella produzione sul sound che suggerisce una via da seguire per Charli XCX insieme ad alcuni pezzi dell’album. Sucker è un disco riuscito se ascoltato in maniera irregolare.

Exclaim: Più di una dozzina di collaboratori hanno aiutato a realizzare questi 14 brani ma le loro collaborazioni non oscurano la cantante che finalmente appare sotto ai riflettori come giustamente guadagnato.

Paste Magazine: La più pura magia di Charli XCX risiede nell’intimo e non nell’irriverente.

Pitchfork: Non è la sua opera migliore, ma è abbastanza buono per conquistare un sacco di nuovi fan.

Sputnikmusic: Sucker, per tutto il suo fascino, di tanto in tanto viene fuori come unidimensionale. Ma ci sono stati pochi dischi, quest’anno, dal sapore scintillante e accecante, ben prodotti e uno spirito malizioso, in grado di rivaleggiare con questo lavoro di Charli XCX.

Clash Music: Il precedente ‘True Romance’, mostrava un’artista disposta a guadagnare il suo posto nel mondo del pop. Sucker mostra come la stessa performer abbia deciso di riscrivere le regole di tutto, non importa se a costo di infrangerne qualcuna, e suonando il pop a modo suo.

Now Magazine: Un disco che sprigiona una energia irrequieta e che non suona solo buono ma anche onesto.

Spin: Sucker è semplicemente un album pop eccezionale.

I Video di Blogo