I Jonas Brothers si sono sciolti: ecco i motivi

Rottura definitiva per il progetto della band dei tre fratelli: ufficializzata la fine dei Jonas Brothers.

Prima un pomposo annuncio di tour, poi l’annullamento a pochi giorni dall’inizio e infine la spiegazione, con i rumors di una probabile rottura che si sono funestamente concretizzati: i Jonas Brothers hanno annunciato ufficialmente lo scioglimento definitivo della band attraverso le parole di Nick Jonas, il più giovane dei tre fratelli.

E’ davvero difficile dire “per sempre”. Abbiamo chiuso un capitolo, poco ma sicuro.

I tre fratelli hanno dichiarato di aver optato per questa decisione unanime sulla fine del progetto Jonas Brothers non per questioni interne personali, ma per differenti punti di vista su come affrontare la carriera insieme, che non trovava un punto definitivo di contatto a causa delle diversità. Una fonte interna ha rivelato quali sono stati i motivi:

Non ci sono assolutamente questioni personali. Loro tre vogliono solo cose diverse, ma si vogliono ancora bene e sempre se ne vorranno. Hanno aspirazioni di carriere diverse. Non sono le stesse persone che erano in passato; la famiglia viene sempre per prima, ecco perché questa decisione è stata la migliore per loro tre come fratelli.

Nello specifico, le tre direzioni di carriera di Nick, Kevin e Joe coprono diversi range musicali, artistici e.. famigliari:

Joe vuole recitare, occuparsi di arte e della sua musica da solista: è molto appassionato e ha una serie di obiettivi da raggiungere. Kevin vuole concentrarsi sul fare il papà (è in attesa del primo figlio dalla moglie Danielle, ndr). Non vede l’ora che Danielle partorisca il loro bambino, le sue priorità sono cambiate. Nick, invece, vuole occuparsi di musica e di Broadway.

E sul possibile ricovero in rehab di Joe Jonas, del quale si è parlato tantissimo nei giornali di gossip?

Le supposizioni sul fatto che Joe abbia dei problemi di abuso di sostanze stupefacenti sono totalmente false. Lui sta bene ed è sempre il ragazzo più carino che mai.

I Video di Soundsblog