X Factor cancellato dai palinsesti RAI? Liofredi dice che…

Diciamo che la “bomba” non piove dal cielo del tutto inaspettata, voci dai corridoi degli addetti ai lavori e nefaste previsioni filtravano fin da quando è calato il sipario sull’ultima edizione. Ma la quasi-ufficialità fa comunque rumore e innescherà discussioni. Per chi ancora non l’avesse capito…si parla della più che probabile chiusura di X-Factor nella

di piero


Diciamo che la “bomba” non piove dal cielo del tutto inaspettata, voci dai corridoi degli addetti ai lavori e nefaste previsioni filtravano fin da quando è calato il sipario sull’ultima edizione. Ma la quasi-ufficialità fa comunque rumore e innescherà discussioni. Per chi ancora non l’avesse capito…si parla della più che probabile chiusura di X-Factor nella versione tricolore.

Il format televisiv/musicale che fa sfracelli in mezzo mondo (ma non ha mai sfondato in Italia) e lancia nuove postars nelle classifiche di vendita (questo si, lo ha fatto pure da noi) è appeso ad un filo, sottile e fragile, che starebbe per spezzarsi. In un’intervista al sito di Davide Maggio il direttore di RAI 2 Massimo Liofredi ha dichiarato che un’altra edizione -la quinta- del talent show sulle frequenze del canale che dirige

“non credo sarà riproposta”.

Il motivo? I costi troppo elevati, il vil denaro:

“Il prodotto era godibile e il marchio è forte però l’azienda deve confrontarsi con dei tagli di budget enormi”.

X-Factor costa troppo per una RAI in clima di tagli e risparmi, e nei 4 capitoli ‘offerti’ in questi anni non ha reso quanto avrebbe dovuto in termini di auditel. Gli altri aspetti non contano, in (questa) televisione comanda il dato prettamente numerico. Letta così la frase virgolettata poche righe sopra sembra una pietra tombale, impossibile da interpretare. Programma cancellato, morto e sepolto. Eppure Repubblica riporta una precisazione -non si sa quanto consolante- dell’azienda….


Dopo l’epitaffio di Liofredi i maggiori siti online di informazione hanno ripreso l’argomento e su Repubblica.it è sbucata una dichiarazione attendista dei vertici della Tv di Stato:

“Come tutte le trasmissioni del palinsesto Rai della prossima stagione, i direttori di rete dovranno presentare alla Direzione Generale le loro proposte, che quindi il dg dovrà valutare nel migliore interesse dell’azienda e in quest’ottica proporle al Cda”.

Nulla ancora di deciso, insomma. Ufficialmente. L’ultima parola deve ancora essere pronunciata. Ma se il Boss della rete ospitante si è spinto così in avanti non c’è da essere ottimisti sulla sopravvivenza di X-F…anzi.

Dunque niente più sfide tra talenti (veri o presunti, il dibattito è infinito) nello studio milanese? Niente più giudici dietro al sacro bancone e davanti agli schermi, nei salotti dello stivale? Proprio quando sembrava che l’idolo en travesti Elio e il figliuol prodigo Morgan potessero ritrovarsi in contemporanea in giuria.

Sarebbe stato interessante sentirli discutere (litigare?!) di musica e contendersi la vittoria finale (ad oggi 3-1 per Castoldi, nella sfida soltanto indiretta) assieme ad uno dei loro assistiti.

Non ci sarà ai vertici delle nostre charts un successore di Giusy Ferreri, di Noemi, di Marco Mengoni? Pare di no…e sarebbe, sarà un peccato.

Gli appassionati di talent show musicali dovranno farsi bastare il fratello maggiore targato Mediaset, Amici, che a sua volta -fatte tutte le dovute proporzioni- non brilla negli ascolti nella decima edizione appena giunta alla fase serale. Quella con annessa transfuga.