11 settembre 2001, vent’anni dopo: 10 canzoni che parlano dell’attentato alle Torri Gemelle a New York

11 settembre 2001, 20 anni dopo: l’anniversario di quel terribile giorno con gli attacchi alle Torri Gemelle ricordato in 10 canzoni

11 settembre 2001. Oggi è uno di quegli anniversari che non avremmo mai voluto rivivere e ricordare. Sono passati vent’anni esatti da quel pomeriggio -ora italiana- in cui tutti quanti siamo rimasti impietriti davanti alla tv, increduli, o siamo stati avvisati di quanto era appena accaduto. Sono passati due decenni ma ognuno di noi ricorderà sicuramente cosa stava facendo o come ha saputo degli attentati alle Torri Gemelle e al Pentagono. E questo anniversario di sangue, di quella data maledetta, arriva poco dopo l’attuale addio delle truppe USA all’Afghanistan con il conseguente ritorno dei Talebani al potere nel Paese. L’11 settembre 2001 ha sconvolto tutti, inevitabilmente. E ancora oggi, nel rivedere le immagini dei due aerei e delle Torri Gemelli che si sbriciolano al suono, ci provoca ancora brividi. Non stupisce, quindi, che diversi artisti, nel corso degli anni, abbiano citato o parlato di questi attentati e degli attacchi dell’11 settembre. Una data indelebile. Vi riportiamo alcuni esempi di cantanti e brani che hanno fatto riferimenti a quei drammatici atti di terrorismo e morte.

Lily Allen, Him

Nella canzone si parla di coloro che hanno scelto la morte in nome di Dio. E viene citato proprio l’11 settembre con i relativi attacchi:

Ever since we can remember, people have died in his good name, long before that September, long before hijacking planes

Coldplay, Politik

Scritto il giorno degli attentati. Chris Martin ha detto a NME che riflette la sua personale realizzazione della mortalità dopo l’11 settembre 2001.

Dream Theater, Sacrificed Sons

Si apre con esempi e passaggi dei telegiornali dell’11 settembre; la canzone stessa parla dell’attacco al World Trade Center e delle sue conseguenze

Eminem, My Dad’s Gone Crazy

Eminem cita quanto accaduto con un paragone nella traccia “My Dad’s Gone Crazy” presente nel disco “The Eminem Show”. Più dolore nel suo cervello che negli occhi di una bambina sull’aereo diretto al Word Trade:

More pain inside of my brain than the eyes of a little girl inside of a plane aimed at the World Trade

Imagine Dragons, Real life

 

Il testo della canzone dice: “Prega in ginocchio mentre le torri cadono per un Dio che non conosce”. Include anche riferimenti all’attentato alla maratona di Boston e alle sparatorie di massa in America

She prays on her knees as the towers fall to a god she does not know

Toby Keith, Courtesy of the Red, White and Blue (The Angry American)”

Il cantante Toby Keith ha scritto questa canzone dopo la morte di suo padre a causa degli attacchi dell’11 settembre 2001. All’inizio era dubbioso nel registrare la canzone e ha deciso di suonarla dal vivo solo per il personale militare. Più tardi, tuttavia, fu convinto a inciderla: gli dissero che era suo “dovere come cittadino americano.

My Chemical Romance, Skylines and Turnstiles

Gerard Way ha scritto questa canzone dopo aver assistito agli attacchi dell’11 settembre mentre si stava recando al lavoro. Ha formato la band, My Chemical Romance, dopo aver assistito alla caduta delle Torri Gemelle e questa è la prima canzone in assoluto scritta dal gruppo.

Bruce Springsteen, The rising

La canzone di Bruce Springsteen è “una riflessione dai toni religiosi sugli eventi della giornata che si concentra su un vigile del fuoco a Ground Zero” in quella maledetta giornata di morte.

Living Colour, Flying

La traccia parla dal punto di vista di un uomo che ha il coraggio di chiedere a una donna di uscire, mentre sono al World Trade Center, pochi istanti prima che il primo aereo colpisca. La coppia poi salta dall’edificio in fiamme verso la morte.

Sheryl Crow, Out of our heads

La canzone è incentrata sul coraggio mostrato l’11 settembre. Poi critica anche Bush per aver tenuto un discorso televisivo manipolativo proprio quel giorno.