Nesli e Alice Paba, la conferenza stampa pre-Sanremo 2017: "Siamo l'antiduetto"

Sanremo 2017, gli album, la cover ed i progetti futuri - La conferenza stampa di Nesli e Alice Paba.

nesli-alice-paba.jpg

Nesli e Alice Paba, l'inedita coppia della 67esima edizione del Festival di Sanremo, incontrano i giornalisti per presentano il brano sanremese Do retta a te e per parlare dei rispetti album, entrambi prodotti da Brando e distribuiti da Universal Music, che usciranno venerdì 10 febbraio 2017 (rispettivamente Kill Karma - La mente è un'arma e Se fossi un angelo).

  • -

    Nesli: "Siamo due artisti antiduetto perché siamo due cantautori ma abbiamo un unico comun denominatore, Brando. E' capitato perché sono andato in studio mentre lei stava registrando l'album, ho sentito delle cose che mi piacevano e abbiamo voluto fare un tentativo con Do retta a te. Il risultato ci è piaciuto. Siamo due anime marchiate". La cover Ma il cielo è sempre più blu è cantata all'unisono.

  • -

    "Il brano inedito parla di fiducia, che dovrebbe essere alla base di qualsiasi sentimento o amicizia. Il testo è profondo, è una ballata rock".

  • -

    Il brano è nato con lo scopo di Sanremo? Nesli: "Questo è il brano che volevamo presentare e rappresentare. L'abbiamo concepita - e nasce - per il contesto sanremese".

  • -

    L'arrangiamento della cover è punk rock o anni '80. Brando, il produttore: "Era difficile trovare un brano da far cantare ad entrambi. Inizialmente avevamo pensato ad Aida, un altro brano di Gaetano, ma questo ci sembrava il brano ideale [...] L'inedito? Non abbiamo facce e storie sanremesi, ma abbiamo una canzone sanremese con il ritornello quasi piacione. Il testo è molto difficile da cantare, però la canzone - soprattutto per Alice - è complicata da cantare".

  • -

    Alice Paba: "Siamo una squadra, Brando è il nostro punto di riferimento. Io ho imparato tanto, è normale sia così perché è la mia prima esperienza. Senza loro non so come avrei affrontato questa avventura". Nesli: "Non si smette mai di imparare, poco cambia la differenza di età e mondi. Il duetto è difficile, cantare in due - anche a livello emotivo - non è facile".

  • -

    Brando: "Nesli negli anni ha sempre rifiutato featuring. In questo caso è nato dal pezzo". Nesli: "Subisco il fascino di chi scrive quello che canta. In Italia in questa epoca ce ne sono sempre meno, si è dato più spazio agli interpreti tramite i talent. Il fatto che Alice, nonostante la giovane età, abbia una personalità artistica mi ha fatto convincere".

  • -

    "Siamo due matti", dicono all'unisono. Come sarà l'esibizione? Nesli: "Non lasceremo nulla al caso, vogliamo raccontare la profondità della canzone".

  • -

    Il nuovo album di Nesli: "Questo è un terzo capitolo del secondo capitolo. Chiude il lavoro iniziato un po' di anni fa con Andrà tutto bene. Kill Karma di luglio aveva tutto il sapore di un'edizione limitata. Nel disco che uscirà il 10 febbraio ci saranno sei canzoni in più, alcune nascono con l'attitudine del videoblog (quasi poesie in musica). La nuova frontiera avrà un binario diverso, dal punto di vista grafico e sonoro".

  • -

    Alice Paba: "Il 10 febbraio uscirà anche il mio album, si intitola Se fossi un angelo. I brani sono stati scritti da me, c'è la mia impronta". Brando: "Alice ha molta personalità e poi ha un background musicale da persona vecchia e matura. Non voleva fare elettropop, che non si capisce cosa cazzo voglia dire. L'album doveva uscire, come solitamente si fa, subito dopo il programma. Ma The Voice non crea un'affezione verso i concorrenti, come può fare Amici tramite il daytime. Quel programma serve per rilanciare la carriera dei giudici, ma ci sono riusciti solo con J-Ax. Con gli altri no".

  • -

    Concetto di libertà nei progetti Nesli. "In questo album la libertà va a braccetto con la consapevolezza. Su Andrà tutto bene abbiamo seguito la nostra indole per comunicare qualcosa di netto e radicale, in questo caso invece ci siamo presi del tempo per fare quel che volevamo fare. Io sono prima di tutto un comunicatore. E nella comunicazione mi piace raccontare con un filo di coerenza tra le canzoni. Ho la fortuna di lavorare con Universal ma allo stesso tempo di lavorare con un mio gruppo di lavoro, Go Wild. Ci siam trovati". Brando: "L'obiettivo sarebbe un genere musicale proprio".

  • -

    Hai chiuso con il rap? Nesli: "Ne ascolto tanto, mi piace come forma d'arte e comunicazione. Continua anche a scrivere, ma non è più rap. E' un genere musicale diverso. Di base sono io che comunico qualcosa".

  • -

    Questo disco è la fine di un capitolo, quindi? Nesli: "E' sempre la fine di un capitolo. Arriverà la fine ma non sarà una fine".

  • -

    A marzo Nesli sarà tra i concorrenti di MasterChef. Brando: "Non l'avevo mai visto neppure fare un panino. Non posso dirvi come è andata, ma sarà sorprendente". Nesli: "L'esperienza di Masterchef è stata umanamente bella".

  • -

    Il 6 aprile uscirà il nuovo film di Alessandro d'Alatri e Nesli curerà la colonna sonora. In più uscirà un suo libro.

  • -

    Il passaggio di Nesli a SoundReef. Nesli: "Mi è sempre piaciuto cambiare, è una strada nuova ed è nata la possibilità di collaborare insieme". Brando: "SoundReef è uno stimolo anche per Siae, perché in queste ore sta cambiando alcune cose. E' una prova, poi ci si confronterà. Ma non vuol essere una ribellione".

  • -

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 35 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE ENTERTAINMENT DI BLOGO