Backstreet Boys, In a World Like This è il nuovo album, Home il documentario sulla band: intervista Rolling Stone

AJ McLean e Howie Dorough dei Backstreet Boys raccontano il loro nuovo album e il documentario in uscita

Backstreet-Boys-nuovo-album-2013

Stanno per tornare i Backstreet Boys al gran completo. Il ritorno di Kevin Richardson ha permesso alla band di realizzare un nuovo album nella formazione originale.

In a World Like This è pronto e uscirà il prossimo 30 luglio, in occasione anche dei vent'anni di carriera della band. I fan sembrano apprezzare la reunion del gruppo che ha deciso di mostrarsi pubblicamente e privatamente anche in un documentario dal titolo "Home".

Lo raccontano proprio loro in una recente intervista a Rolling Stone. Ecco alcune delle domande a cui hanno risposto.

Parliamo del processo di scrittura per questo album diverso dai dischi precedenti

AJ McLean: Assolutamente. Dal quando abbiamo avuto il completo controllo creativo, abbiamo deciso di dirigere tutto il progetto e questo processo è iniziato quasi un anno fa a Londra con Martin Terefe. Abbiamo trascorso tre settimane là fuori a vivere in una casa insieme, legando di nuovo. Kevin Richardson era appena tornato nel gruppo, così con lui era una sorta di riconnessione con tutti. E' stato un processo creativo impressionante. Probabilmente abbiamo scritto circa 22 canzoni, non tutte sono state inserite ma abbiamo continuato a scrivere e a scrivere e a scrivere. Avevamo quattro diverse sale di scrittura in cui andare ogni singolo giorno. Abbiamo scritto qualunque cosa, qualsiasi tipo di sensazione provata ogni giorno o qualunque soggetto di cui si voleva scrivere. Tutto questo ci ha portato a fare un disco molto personale. Ci sono stati due o tre pezzi che non abbiamo scritto noi, i restanti sono stati tutti scritti da noi con altri autori e altri produttori e siamo davvero entusiasti di aver avuto questo controllo creativo

Howie Dorough: Kevin tornò per questo album e disse: "Sono passati vent'anni e le nostre vite sono cambiate, non solo la nostra vita ma la vita dei fan è cambiata e abbiamo un sacco di più cose di cui parlare. Noi siamo cresciuti, i nostri fan sono cresciuti. Ora quattro di noi hanno dei bambini, quattro di noi sono sposati, Nick Carter è impegnato, abbiamo molto di più da raccontare oggi. Ed è quello che abbiamo fatto in questo disco: quando si trattava di scrivere, abbiamo toccato temi diversi senza mettere alcun limite di dove andremoo con la nostra musica. Abbiamo accettato davvero la sfida, anche nel fare un viaggio tutti insieme (...) Abbiamo avuto la possibilità di legare, parlare liberamente e scrivere di cose liberamente. Penso che questo album sia il più personale, sicuramente

Come sono cambiate le interazioni tra voi cinque dopo il tempo distanti?
Dorough: Quando Kevin fece un passo al di fuori del gruppo circa sei anni fa, andandosene, noi quattro ci siamo chiesti se avremmo potuto proseguire. Guardando al passato, Kevin era sempre il capobanda del gruppo, così quando è arrivato il momento avremmo fatto da soli, noi stessi. Abbiamo lavorato insieme. Quando poi Kevin è tornato, abbiamo avuto tutti molto di più di cui parlare. Abbiamo tutti avuto modo di conoscere non solo il business, ma abbiamo imparato a mettere davvero insieme un grande spettacolo, molto maturo. E così ora che è tornato Kevin nella band, la dinamica è diversa. Kevin è un gran lavoratore, un perfezionista, ma ora ci sono cinque di noi che la pensano esattamente come lui. Ora alziamo la barra (della perfezione) su tutto ciò che facciamo

Ci sono momenti nel quale siete stati più orgogliosi da un punto di vista di scrittura?

Dorough: Quando siamo andati a Londra, non sapevo davvero cosa aspettarmi con noi cinque in una stessa stanza - l'ultima volta che abbiamo fatto questo, abbiamo fatto un viaggio alle Bahamas e l'abbiamo fatto per l'album Back and Blue ed è stato fantastico. Ma ero un po 'scettico, perché a volte quando si hanno un sacco di cuochi in cucina si può quasi avere troppe mani nel piatto e con un sacco di idee tutte insieme c'è il rischio di essere soffocati e la creatività non nasce. Con mia grande sorpresa, è venuto fuori meglio di quanto mi aspettavo e la reazione che stiamo ottenendo mi dà incoraggiamento. Stiamo finalmente diventando una band indipendente.

McLean: "Show 'Em What You're Made Of" è uno dei miei brani preferiti, io e Kevin abbiamo scritto il pezzo con Morgan [Reid] e Prophet, due cantautori sorprendenti e anche produttori. Kevin diceva: "Perché non scrivere qualcosa sui nostri figli o una canzone di tipo positivo? Perché c'è tanta negatività là fuori e il bullismo e tutto questo schifo che sta succedendo? Il mondo ha bisogno di positività." Non solo era per mia figlia e mio figlio, ma è stato fatto per tutti i nostri ragazzi che sono stati influenzati e i bambini, (...) E 'diventato questo enorme pezzo emozionante e non vedo l'ora di suonarlo dal vivo in tour

Vedete questo come un'opportunità per raggiungere nuovo pubblico?

McLean: Lo spero. Ovviamente se la gente compra l'intero album e lo sentono e ascoltano canzoni che non suonano come il tipico disco dei Backstreet, possono incoraggiare le altre persone che erano vicine ai fan, che forse non volevano ammettere di essere fan o appassionati. Magari hanno un marito o un fratello o una sorella che dicevano, "Oh, i Backstreet Boys, che schifo, ma in realtà mi piace quella canzone." Abbiamo decisamente orientato questo disco verso le masse e abbiamo voluto fare un album che non fosse solo tipicamente Backstreet Boys per i nostri fan, ma per raggiungere il mondo esterno e le persone che non lo sono, le persone che potrebbero però esserlo. Ovviamente abbiamo un'incredibile fan base che ci segue fedelmente negli ultimi 20 anni: siamo così fortunati e così grati per questo. Ma ci sono tante altre persone che vogliamo raggiungere e spero che questo album ce lo permetta

Tornando alla scrittura, ci sono state sfide con le quali siete stati in grado di sorprendere voi stessi?

Dorough: C'è una canzone che non è stata inserita nell'album, ma sarà probabilmente la colonna sonora per il documentario che stiamo facendo chiamato "Home". Ho preso la chitarra e la abbiamo registrata, suonarla è stato divertente.

Qual è stata la filosofia che ispira il documentario, a questo punto?

Dorough: Abbiamo effettivamente parlato di fare un documentario per molti anni. Siamo cresciuti guardando molti altri grandi documentari che erano stati fatti uscire e Nick circa un anno fa ha visto questo "A Tribe Called Quest" in realtà lo ha ispirato. Poi i Metallica ha fatto un documentario davvero, davvero cool. E abbiamo iniziato a pensare: "Dobbiamo davvero raccontare una storia anche noi. Molti dei nostri fan sanno un sacco di noi, ma molti di loro non sa niente di personale dei nostri primi giorni, da dove veniamo, che cosa significa fare un disco, la parte creativa di esso, il bene e il male. Lo stiamo facendo da soli. Abbiamo preso molte decisioni più creative e anche di business. Così abbiamo voluto mostrarci ai nostri fan e abbiamo effettivamente aperto noi stessi e mostrato le cose che non pensavo avremmo mai nemmeno accennato. E invece lo abbiamo fatto.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail