Tiziano Ferro: “Io ero un alcolista, non bevo più”. Il cantante confessa il suo passato e la risalita

Tiziano Ferro si racconta in un’intervista a 7 e nel documentario “Ferro” su Prime. Il cantante confessa di essere stato un alcolista

Tiziano Ferro è protagonista del prossimo numero di 7, magazine del Corriere della Sera, in edicola e in digitale a partire da venerdì 16 ottobre 2020. Ed è a lui dedicata anche la copertina con le parole “Ero un alcolista, avevo 34 anni“. Una confessione che lo stesso cantante ha condiviso e ripreso su Instagram, raccontando i tormenti e il periodo che si è lasciato alle spalle.

L’alcolismo ti guarda appassire in solitudine, mentre sorridi di fronte a tutti.
Forse piangevo perché mi toglievo la vita ogni giorno. Forse era il dolore nel morire una, due, trecento volte. Potevo pensare quello che volevo, ma quello strazio, quel tormento non generavano niente, era solo disastro.
Ed è stato quando l’ho capito che è nata la mia voglia di risalire, da lì o da una delle altre decine di volte simili a quella”.

Una vita insieme.Senza filtri.
Il mio articolo domani su @7corriere
𝐅𝐄𝐑𝐑𝐎. Il documentario, dal 6 novembre solo su Prime Video @primevideoit

View this post on Instagram

“L’alcolismo ti guarda appassire in solitudine, mentre sorridi di fronte a tutti. Forse piangevo perché mi toglievo la vita ogni giorno. Forse era il dolore nel morire una, due, trecento volte. Potevo pensare quello che volevo, ma quello strazio, quel tormento non generavano niente, era solo disastro. Ed è stato quando l’ho capito che è nata la mia voglia di risalire, da lì o da una delle altre decine di volte simili a quella”. Una vita insieme.Senza filtri. Il mio articolo domani su @7corriere 𝐅𝐄𝐑𝐑𝐎. Il documentario, dal 6 novembre solo su Prime Video @primevideoit — “Alcoholism watches as you shrivel up in solitude, while you smile at everyone. Maybe I cried because I was killing myself every day. Maybe I felt the pain in dying one, two, three hundred times. I could imagine whatever I wanted, but that torture, that torment led nowhere, it was only disastrous. My desire to resurface was born from that understanding, from that moment or from the many similar ones”. A life together, with no filters. Always. 𝐅𝐄𝐑𝐑𝐎. The documentary, November 6th only on Prime Video (worldwide). 𝘈𝘳𝘵𝘪𝘤𝘭𝘦 𝘪𝘯 𝘦𝘯𝘨𝘭𝘪𝘴𝘩 ▶️𝘚𝘵𝘰𝘳𝘪𝘦𝘴 tomorrow @primevideoit — “El alcoholismo ve cómo te marchitas en soledad mientras sonríes delante de todos. Quizá lloraba porque me quitaba la vida día tras día. Quizás era el dolor de morir una, dos, trescientas veces. Podía pensar lo que quisiera, pero ese suplicio, ese tormento no generaba nada, era solo un desastre. Y fue al entenderlo cuando nació mi deseo de remontar. De salir de allí o de una de las tantas veces parecidas a esa”. Toda la vida juntos, sin filtros. Como siempre. 𝐅𝐄𝐑𝐑𝐎. El documental, desde el 6 de noviembre solo en Prime Video (en todo el mundo) Artículo en español ▶️𝘚𝘵𝘰𝘳𝘪𝘦𝘴 mañana @primevideoit #primevideo # ferro

A post shared by Tiziano Ferro (@tizianoferro) on

Tiziano Ferro: “Ero un alcolista”

Come riportato dal Corriere della sera in una breve anticipazione della lettera scritta dallo stesso Tiziano Ferro, il cantante ricorda quei periodi:

Una sera la band mi convinse a bere. E da lì non mi sono fermato più. Bevevo quasi sempre da solo, l’alcol mi dava la forza di non pensare al dolore e alla tristezza, ma mi portava a voler morire sempre più spesso. Ho perso occasioni e amici. Io ero un alcolista

Un passaggio che lui stesso ha approfondito proprio sui social, raccontando come “L’alcolismo ti guarda appassire in solitudine, mentre sorridi di fronte a tutti”.

Tiziano Ferro, il ricordo del passato

Non manca uno sguardo su un passato lontano, sulle difficoltà di riuscire ad integrarsi e il sogno di essere difeso dalle umiliazioni e dalle offese ricevute:

Non sono mai stato il primo della classe, ero anonimo, non bello, per niente atletico, anzi grasso, timido, i ragazzi mi chiamavano ciccione, femminuccia, sfigato. Aspettavo che qualcuno intervenisse per difendermi, ma non succedeva mai. Vivevo perennemente frustrato, incazzato e anche umiliato. Poi ho cantato per la prima volta e il mondo è cambiato. La musica era l’unica cosa che avevo, un canale per esprimermi in un mondo nel quale non mi riconoscevo

Ultime notizie su Tiziano Ferro

Tutto su Tiziano Ferro →