Testamento (La resa dei conti): la canzone di Bloody Vinyl che ripercorre la storia di Gomorra – La Serie

Il brano di Bloody Vinyl (Slait, Low Kidd, Young Miles), con J Lord e Shari, che celebra la quinta e ultima stagione di Gomorra.

Se pensiamo a Gomorra – La Serie, dal punto di vista musicale, tornano in mente subito le colonne sonore dei Mokadelic e la sigla finale di ogni episodio (Nuje Vulimme ‘Na Speranza di Ntò e Lucariello), senza contare le numerose canzoni rap e neomelodiche utilizzate nelle prime quattro stagioni.

Per celebrare una delle serie italiane più viste al mondo (dal 19 novembre, andrà in onda su Sky, la quinta e ultima stagione di Gomorra), Bloody Vinyl, il progetto che vede protagonisti Slait, Low Kidd e Young Miles, reduci dal successo del terzo volume dell’omonimo mixtape, hanno pubblicato il singolo Testamento (La resa dei conti), che vede la partecipazione di J Lord, rapper italiano di origini ghanesi scoperto da Dat Boi Dee, e Shari, cantante lanciata da Salmo con la sua etichetta Lebonski 360°.

La canzone, nel testo, rievoca il rapporto di amore e odio tra i due protagonisti, Genny Savastano e Ciro di Marzio, rispettivamente interpretati da Salvatore Esposito e Marco d’Amore. La quinta stagione di Gomorra – La Serie, infatti, sarà la stagione della resa dei conti finale.

Testamento (La resa dei conti) verrà inserita nella tracklist dell’edizione digitale di BV3, album certificato Disco di Platino.

Di seguito, trovate il testo di Testamento (La resa dei conti). Cliccando qui, potete ascoltare la canzone.

Testamento (La resa dei conti): il testo

Fujetenne da là
Tu sì bella ‘a luntano
Ma quanto male ce faje
Pe t’avè
Ce sta chi racconta pe te liberà
Chi da piccerillo segueva a papà
Verità e bucie
Pesammelle tutte quante ‘ncopp’a stu bilancino, me dicive ce stive
Affidate a te comme n’angelo d”o paradiso
Vivete l’urina, voglio vedè si te fide
Aggio affruntato mille sfide
‘A sofferenza pe chi sta ‘int’a chella е nun surride
Te fanno nu fischio ‘a copp’a base si po ‘е vide
Scinne c”o piggiama ‘int’e celeste, piglia ‘e lire
Nun riesce a penzà ca tu si stato ‘mparato ‘a Ciro, t’ha tagliato ‘o curdone
Mo tiene tutte cose ‘int’e mmane, Gennà, si ‘o padrone
‘O sanghe se mastica e nun se sputa
‘E pusher vecono sulo ‘e sorde da ‘int’e buche
Quando parte na faida, se fa nu fritto misto
Quando siente ‘a sirena, ‘nascunnete, è nu blitz
S’addeventa ‘mpicciuse si se convive a unnece o a otto
Ch”e lamette sott’e cuscine pe sta tranquillo
Tiene cchiù penziere si tiene mugliera a figlie
Chi se ‘mpara chef, chi se scrive ‘e libre
Chi piglia na corda e ‘a fa fernuta e se ‘mpicca
‘A malavita è comme ‘o testamento, è na Bibbia
S’arriva ‘o punto c”o pate vene acciso do figlio
Grinta, miette cchiù grinta
Piglia nu tauto, ‘o core miettilo ‘a dinto
Amicizia e sorde so’ doje cose distinte, è na cosa d’istinto
Nun è pe finta, nun è nu film
So’ rimaste lapide ca tenono n’impero
Ogge tengo ‘mmano tutt”a città
‘Sta cattiveria ‘a tengo ‘int’o DNA.

Cresciuti col buio
Col sangue che cola dagli occhi, non frega a nessuno
E sei solo uno fra tanti che prova dolore
Tutto quello che ami finisce in un attimo
Può finire in un attimo
Non puoi chiedere aiuto
Cammini su un filo sottile ma senza paura
Se vivi per questa città, tu puoi perdere l’anima
Tutto quello che hai finisce in un attimo
Può finire in un attimo.

Aggio vissuto già a diciott’anne
Ccà bucano e cuciono e fanno ‘e danne
Se ‘mpiantano ‘e placche p”a bamba
Nn”o tene e nn’se calma
Nu nigga nn’se calma
Si nn’tene cu isso ‘o fierro ‘int’a mutanda
Mo parlo italiano, he chiudere l’affare
No feste, locale e serate
Da Londra a Milano, po a Roma e po a Secondigliano
Cchiù scava chi ‘o scava
Cchiù morte te vonno fá male
A chisto nn”o ‘ccide, se chiamma Immortale
È turnato ‘a luntano, vò sulo ‘e denare
Pecché songo l’unica cosa che vale
L’unica cosa che vale.

Cresciuti col buio
Col sangue che cola dagli occhi, non frega a nessuno
E sei solo uno fra tanti che prova dolore
Tutto quello che ami finisce in un attimo
Può finire in un attimo
Non puoi chiedere aiuto
Cammini su un filo sottile ma senza paura
Se vivi per questa città, tu puoi perdere l’anima
Tutto quello che hai finisce in un attimo
Può finire in un attimo.

L’unica cosa che vale
L’unica cosa che vale
L’unica cosa che vale.