Jovanotti positivo al Covid-19: il racconto del cantante su TikTok (video)

Jovanotti è positivo al Covid-19. Il cantautore ha raccontato ai fan cosa è successo e come sta: guarda il video caricati su TikTok

Jovanotti è risultato positivo al Covid-19. Il cantautore ha scelto la piattaforma di Tik Tok per annunciare ai fan di aver contratto il Coronavirus e per aggiornarli sulle sue condizioni di salute.

“Buongiorno da me e dal mio virus… che circola. Natale è passato e passerà anche il virus, dai, buone feste!” queste le parole del cantautore in un primo video pubblicato su TikTok. Il cantante ha aggiornato i fan sul suo stato di salute, rivelando di essere risultato positivo al Covid-19.

Mal di gola pazzesco, male ai muscoli, tutto… E’ un’influenza, di quelle toste. Da prendere il virus (a pugni, ndr) o da parlarci “Dai virus, vai via, ci sono posti migliori… passerà. Non è che questi tamponi rapidi siano così efficaci. Nonostante tutte le precauzioni, la sera mi ha chiamato Nicola Savino e mi ha detto “Cazzo stamattina ero negativo ma ho fatto il molecolare e sono positivo”.

Ieri avevo 38, oggi 37,2, dai va bene, poi sono vaccinato per cui… Vi mando un saluto, vi ringrazio, buone feste ragazzi!”

“Grazie amore per i fusilli con i broccoletti che mi hai lasciato davanti alla porta” commenta, in un ultimo video, Jovanotti, che, nel corso delle ore, ha riacquistato comunque più energia e ha rassicurato i fan, sottolineando di essere vaccinato e che i sintomi sono quelli di una brutta influenza (oltre a raccomandare di essere molto attenti anche in merito ai test effettuati). E ha portato l’esempio di Nicola Savino che, dopo un tampone rapido pensava di essere negativo ma, in seguito, con quello molecolare ha scoperto la sua positività al Covid-19.

Vi ricordiamo che, nell’estate 2022, è in programma il” Jova Beach Party”, come annunciato dallo stesso cantautore più di un mese fa.

Jova Beach Party è una roba da matti, e infatti chi ci viene impazzisce e chi non c’è non lo saprà mai. Chi non c’è potrà immaginarlo, criticarlo, snobbarlo, ma non saprà mai che botta è, che esperienza pazzesca. La spiaggia è la linea di frontiera più significativa che esiste, e portare lì la festa per me è l’impresa più bella e difficile, la più entusiasmante. Su una spiaggia 3000 anni fa è iniziata la letteratura quando i capitoli si chiamavano “canti”. Su una spiaggia è iniziata la vita terrestre, la fanta sia, la voglia di partire”