8 dicembre 1980, quarant’anni fa l’assassinio di John Lennon

Era l’8 dicembre 1980 quando John Lennon fu assassinato da Mark David Chapman: 40 anni dalla morte del leader dei Beatles

Era la sera dell’8 dicembre 1980 quando il mondo venne a sapere della morte di John Lennon. Il cantante fu ucciso a colpi d’arma da fuoco sotto l’arco del Dakota, la sua casa a New York City. A premere il grilletto fu Mark David Chapman, definito ‘un fan americano dei Beatles’ che aveva viaggiato dalle Hawaii fino alla Grande Mela, per portare a termine il suo piano malato. Inizialmente, la sua folle azione fu collegata ad una sorta di irritazione che l’uomo avrebbe avuto per la vita di Lennon e causata dalle sue dichiarazioni pubbliche, in particolare dalla sua frase sul fatto che i Beatles fossero “più popolari di Gesù” e dai testi delle sue canzoni “God” e “Imagine“. Successivamente, lo stesso Chapman ammise il delirio che si celava dietro la sua sua violenza: uccidere John Lennon era un modo per ottenere fama e diventare qualcuno, di riflesso.

Chapman raccontò di essere stato ispirato da Holden Caulfield dal romanzo di JD Salinger del 1951, Il giovane Holden.

L’omicidio di John Lennon fu pianificato e organizzato da mesi. Prima di uccidere il cantante, Chapman riuscì anche a farsi firmare una copia dell’album “Double Fantasy”, inciso insieme a Yoko Ono e rilasciato in quello stesso anno.

Quella notte, l’8 dicembre 1980, Lennon e la moglie Yoko Ono tornarono a casa e mentre camminavano verso l’ingresso, Chapman sparò cinque colpi, quattro dei quali colpirono Lennon alla schiena.

Mark David Chapman rimase sulla scena del crimine, leggendo Il giovane Holden, fino a quando non venne stato arrestato dalla polizia. Lennon fu portato d’urgenza al Roosevelt Hospital, dove venne dichiarato morto all’arrivo, alle 23:15.

La morte di John Lennon e l’annuncio in diretta tv

Quando John Lennon fu portato d’urgenza in ospedale, il produttore di news Alan J Weiss della rete WABC-TV stava aspettando di essere curato al Roosevelt Hospital dopo essere stato ferito in un incidente in moto quella sera. Anni dopo, nel 2013, ha raccontato di aver visto Lennon mentre veniva portato nella stanza circondato da agenti di polizia. Dopo aver scoperto cosa è successo, ha chiamato la stazione. Alla fine, la notizia arrivò al presidente della ABC News, Roone Arledge, che all’epoca stava supervisionando la copertura della ABC del Monday Night Football. A sfidarsi, sul campo, c’erano i New England Patriots e i Miami Dolphins.

Arledge ha raccontato ai commentatori Frank Gifford e Howard Cosell della sparatoria e ha detto che avrebbero dovuto riferirlo in onda. Ci furono dei dubbi se farlo o meno.

“Ricordate che questa è solo una partita di calcio, non importa chi vince o chi perde. Una tragedia indicibile confermata da ABC News a New York City: John Lennon, fuori dal suo condominio nel West Side di New York City. – il più famoso, forse, di tutti i Beatles – è stato colpito due volte alla schiena, è stato portato al Roosevelt Hospital, ma è risultato morto all’arrivo”

Nel Regno Unito, invece, al momento della notizia, erano le 4 di mattina, notte fonda. Così, fino al mattino dopo, in pochi furono a conoscenza della morte del leader dei Beatles.

Nessun funerale per John Lennon

Non ci saranno funerali per John. John amava e pregava per la razza umana. Per favore, fate lo stesso per lui. Con affetto, Yoko e Sean”.

Queste le parole di Yoko Ono, il giorno dopo la morte del cantante. I suoi resti furono cremati al Ferncliff Cemetery di Hartsdale, Westchester County, New York.

Ono disse alla folla che cantava fuori dal Dakota che il loro canto l’aveva tenuta sveglia e chiese che si riunissero nuovamente al Central Park Bandshell la domenica successiva per dieci minuti di preghiera silenziosa. Il 14 dicembre, milioni di persone in tutto il mondo hanno fatto proprio questo. Si sono fermati per dieci minuti di silenzio per ricordare Lennon. 30.000 di loro si sono riuniti nella città natale di Lennon, Liverpool, e il gruppo più numeroso – oltre 225.000 – lo ha fatto a Central Park.

Per quei dieci minuti, anche tutte le stazioni radio di New York City non trasmisero nulla.

La reazione dei Beatles alla morte di John Lennon

Sono scioccato e sbalordito. Rubare una vita è l’ultima rapina nella vita. L’invasione perpetua dello spazio altrui è portata al limite con l’uso di una pistola. È un oltraggio che le persone possano togliere la vita ad altre persone quando ovviamente non hanno le loro vite in ordine.

Questo il commento rilasciato da George Harrison il giorno dopo la morte di Lennon.

Paul McCartney fu criticato per la sua reazione in quel momento. Stava lasciando uno studio di registrazione di Oxford Street quando i giornalisti gli hanno chiesto la sua reazione. Ha risposto dicendo: “Povero, non è vero?”. Lo stesso McCartney si rammaricò dell’osservazione. In seguito ha detto che non aveva intenzione di mancare di rispetto e che non era in grado di articolare le sue emozioni, a causa dello shock e della tristezza che provava.

Ringo Starr, invece, non fece alcuna dichiarazione in quel momento. Nel 1981 disse a Barbara Walters quanto fosse “triste” e che “gli mancava ancora molto” Lennon.

Il destino di Mark Chapman

Mark David Chapman venne dichiarato colpevole nel 1981 per l’omicidio di Lennon. È stato condannato a 20 anni di vita e in seguito è diventato automaticamente idoneo alla libertà condizionale nel 2000. Tuttavia, gli è stata negata la libertà sulla parola 11 volte e rimane incarcerato in una prigione nello stato di New York. In una delle ultime richieste, queste furono le parole del giudice:

Ha certamente pianificato attentamente e programmato l’omicidio di una persona famosa in tutto il mondo senza nessun’altra ragione se non quella di ottenere la notorietà. Mentre la vita di nessuno è più preziosa della vita di un altro, il fatto che lui abbia scelto qualcuno che non fosse solamente una persona di fama mondiale e amato da milioni di persone, indipendentemente dal dolore e dalla sofferenza che poteva causare alla sua famiglia, ai suoi amici e a tanti altri, ha dimostrato un infallibile disprezzo per la santità della vita umana e il dolore e la sofferenza degli altri

Nel 2020, ha rivelato di essere “dispiaciuto” per aver ucciso Lennon e che era “alla ricerca di attenzione”.

I Video di Soundsblog