All’asta l’album “Double Fantasy” firmato da John Lennon al suo assassino Mark David Chapman

Double Fantasy, l’album di John Lennon, firmato al futuro assassino Mark Chapman, va all’asta con una partenza base di 400.000 dollari

Sono passati quasi 40 anni da quella maledetta notte, nel dicembre 1980, quando John Lennon fu ucciso da Mark David Chapman, fuori dal Dakota, a New York.

Poco prima di trovare la morte, il cantante firmò una copia del suo album (insieme a Yoko Ono) intitolato “Double Fantasy“. Pochi minuti prima di essere assassinato, l’artista siglò il disco e, a distanza di quasi 4 decenni, oggi, 23 novembre 2020, l’album andrà all’asta.

Se cliccate sul sito della Goldin Auctions, c’è la descrizione dell’oggetto all’asta che parte da una cifra base di 400.000 dollari.

La morte di John Lennon ha segnato la fine del più grande fenomeno nella storia della cultura popolare, i Beatles. La notte dell’8 dicembre 1980, il mondo scoprì che il leader dei Beatles era stato assassinato fuori dalla sua casa, nel Dakota, il complesso di appartamenti a Manhattan dove Lennon risiedeva con sua moglie Yoko Ono e il giovane figlio Sean. La notizia della morte di Lennon è stata data per la prima volta al Monday Night Football della ABC quando il leggendario annunciatore Howard Cosell ha interrotto la partita Patriots / Dolphins a Miami e ha annunciato la notizia al pubblico “Sì, dobbiamo dirlo. Ricordate che questa è solo una partita di calcio, non importa chi vince o perde. Una tragedia indicibile confermataci da ABC News di New York City: John Lennon, fuori dal suo condominio nel West Side di New York City – il più famoso, forse, di tutti i Beatles – è stato colpito due volte alla schiena” (…) Questa è probabilmente la più importante reliquia del Rock N Roll mai in vendita, questo è l’album Double Fantasy che John Lennon ha firmato per il suo futuro assassino Mark David Chapman circa 5 ore prima che Chapman lo uccidesse. I Lennon erano partiti verso le 17:00 per dirigersi allo studio Record Plant. (…) .  La firma di Lennon è a penna blu sul collo dell’immagine di Yoko Ono. Lennon ha anche inscritto “1980” sotto la sua firma. I numeri sopra la firma di Lennon in pennarello nero sono segni di prove della polizia.  (…) Questo pezzo storico viene fornito con una lettera di autenticità dalla Beckett Authentication per la firma di John Lennon ed è alloggiato in un supporto in plexiglass per protezione.

Champman e le recenti parole sull’assassinio di John Lennon

Dopo essergli stata negata la libertà vigilata, all’inizio del 2020, Mark Chapman decise di scusarsi pubblicamente con la vedova del cantante, Yoko Ono.

“Voglio solo ribadire che mi dispiace per il mio crimine. Non ho scuse. Penso che sia il peggior crimine che ci possa essere per fare qualcosa a qualcuno che è innocente. Era estremamente famoso. Non l’ho ucciso a causa del suo carattere o del tipo di uomo che era. Era un padre di famiglia. Era un’icona. Era qualcuno che parlava di cose di cui ancora oggi possiamo parlare ed è grandioso. L’ho assassinato perché era molto, molto, molto famoso e questa è l’unica ragione e stavo cercando una auto-gloria, una gloria riflessa, una cosa molto egoista”

Una confessione descritta dallo stesso autore dell’omicidio come un “atto estremamente egoista”.

I Video di Soundsblog