Einstein, Francesco Gabbani: il nuovo singolo in versione piano e voce (testo e video)

Francesco Gabbani, Einstein: è uscito il video ufficiale della nuova versione (piano e voce) della canzone dall’album “Viceversa”

In rotazione radiofonica da oggi, 16 ottobre, “Einstein” il nuovo singolo di Francesco Gabbani, brano tratto dall’ultimo lavoro “Viceversa” (BMG) che il cantautore presenta ora in una versione inedita diversa da quella presente nel disco.

Gabbani ha infatti deciso di registrare nuovamente il brano spogliandolo nell’arrangiamento e mettendo così in luce la sua voce e la sua anima. Una scelta che nasce dal desiderio di arrivare all’essenza di una canzone con cui Gabbani racconta di sé, alla ricerca di un “io” non ancora del tutto trovato.

Nasce quindi un dialogo immaginario tra il cantautore e Albert Einstein, padre della teoria della relatività, che invita proprio a tener sempre presente un presupposto fondamentale: tutto è relativo. Ne deriva così l’importanza del mettersi costantemente in discussione, nella percezione di sé e di come si viene visti, continuando nel contempo ad osservare la società e i risvolti politici che la influenzano.

Ad accompagnare l’uscita del singolo nelle radio, ci sarà un video ufficiale che trasforma in immagini le emozioni della canzone e che potete recuperare cliccando qui.

 

[Strofa 1]
È tutta una questione di pazienza
Trovare tutto subito o fare senza
Ma guarda che non è una dipendenza
Mi capita ogni tanto, ti penso mentre canto
Ascolto le canzoni del momento
L’originalità del sogno di un talento tipo
Questa mattina mi sono svegliato e ho strappato
Cosa ci fai nel mio letto questa mattina bella signorina
E mi riguardo basta che funzioni, da prigioniero
Mi dirigo verso il letto soprappensiero
Come Marco Castoldi sostiene di andare
Ad ogni funerale
E dormo poco dormo male (Domani sembra ieri)
Tra i pensieri è un naufragare (Sei sempre quel che eri)
Apri gli occhi guardo il muro, il cimitero di zanzare
Allucinazioni e poi compare e poi compare (Chi è che compare?)

[Ritornello]
Einstein che mi dice tutto è relativo
Il tuo punto fermo non è alcun motivo
Einstein che mi dice: “Cazzo fai Francesco”
Provo provo provo e prima o poi ci riesco, ci riesco
È tutto relativo ma ci sei o ci fai
È relativo vedi tutto è relativo
Primis Player Placeholder
[Strofa 2]
Devoto è il santuario dell’apparenza
Leccare il culo al re o fare resistenza
Se guardi nello specchio vedi quel che vuoi
Indiani e cowboy, sì ma dei paesi tuoi
La luce che ci illumina la festa
Arriva da una stella di sinistra o destra
Nel mezzo del cammin che si è oscurato
Mi sono innamorato, mi sento illuminato
E mi riguardo volentieri Django, suona il postino
Vado verso il mare ma sono un alpino
Che vuol solo scalare la cordigliera delle Ande
Per dimenticare
Come è profondo questo mare (Ti conviene respirare)
Che andare a casa senza rotta (Stai attento non si torna)
Sarà meglio continuare con questa faccia ad annuire
O con l’anima sognare tu si che vales

[Ritornello]
Einstein che mi dice tutto è relativo
Il tuo punto fermo non è alcun motivo
Einstein che mi dice: “Cazzo fai Francesco?”
Provo provo provo e prima o poi ci riesco, ci riesco
È tutto relativo ma ci sei o ci fai
Tutto è relativo vedi tutto è relativo
Tutto è relativo
Il mondo è appeso al cielo e grava la gravità
Cadendo mi sollevo, tutto è relativo
Il mondo è appeso al cielo e grava la gravità
Cadendo mi sollevo

Ultime notizie su Francesco Gabbani

Tutto su Francesco Gabbani →