Daft Punk, Thomas Bangalter annuncia l’album solista (e rivela il suo volto)

Thomas Bangalter dei Daft Punk ha annunciato il suo primo disco solista dopo lo scioglimento del duo francese. E ha mostrato il viso…

I Daft Punk si sono sciolti nel 2021 e la loro caratteristica principale era legata ai caschi che indossavano per tutto il tempo, impedendo loro di mostrare il volto. A distanza di circa due anni, Thomas Bangalter -uno dei due componenti- ha annunciato l’uscita del suo primo album solista e, per l’occasione, ha mostrato il suo volto. Cliccando qui, oltre alla copertine del disco, potete vedere anche un ritratto che raffigura il viso dell’artista. Capelli ricci, occhiali di vista, di profilo. Ecco uno dei due componenti del duo elettronico francese.

L’album di Bangalter, intitolato “Mythologies“, sarà orchestrale. L’immagine che ha rivelato su Instagram insieme alla notizia è un’illustrazione realistica del profilo intitolata “Portrait de Thomas Bangalter pour son nouveau disque Mythologies”. Il progetto discografico sarà disponibile dal 7 aprile 2023. In passato, come artista solista, Bangalter ha anche composto ed eseguito la colonna sonora di Irreversible di Gaspar Noé. Nel 2018, ha anche contribuito con una canzone al film di Noé, Climax.

Ecco la tracklist ufficiale di Mythologies, l’album solista di Thomas Bangalter, ex componente dei Daft Punk.

Tracklist :
I. Premiers Mouvements
II. Le Catch
III. Thalestris
IV. Les Gémeaux I
V. Les Amazones
VI. L’Arrivée d’Alexandre
VII. Treize Nuits
VIII. Danae
IX. Zeus
X. L’Accouchement
XI. Les Gorgones
XII. Renaissances
XIII. Le Minotaure
XIV. Eden
XV. Arès
XVI. Aphrodite
XVII. Les Naïades
XVIII. Pas de Deux
XIX. Circonvolutions
XX. Les Gémeaux II
XXI. Icare
XXII. Danse Funèbre
XXIII. La Guerre

Bangalter ha detto di aver “reinventato” la composizione del balletto, dando vita ad una raccolta di musica che, secondo quanto riferito, “non vedeva l’ora” di scrivere. L’album include 23 brani che “abbracciano la storia della musica da balletto orchestrale” ed è stato originariamente eseguito insieme a dieci ballerini.

Nel 2014, i Daft Punk si sono esibiti ai Grammy Awards, dove hanno vinto l’album dell’anno per il loro album “Random Access Memories”.