Cosmo, ‘La prima festa dell’amore’ spostata ufficialmente al 2022: “Siamo stati presi in giro”

La prima festa dell’amore di Cosmo: inizialmente previsti per ottobre 2021, i concerti sono stati rinviati ad aprile 2022: tutte le news

Cosmo ci ha provato per settimane a non dover annullare l’evento di tre giorni previsto a Bologna per il mese di ottobre 2021. Tre date per quella che era stata definita “La prima festa dell’amore“. Poi, mentre il resto d’Europa apriva ai live e alla possibilità di aumentare la capienza, qui in Italia si viaggiava sempre chiamando in causa la parola “Prudenza”. E ancora adesso, né i concerti al chiuso né le discoteche possono cantare vittoria, con la capienza completa di pubblico ancora vietata. Cosmo ha poi proposto di confermare i suoi concerti usandoli come “esperimento”, come test per monitorare il Covid-19 e gli eventuali contagi. Ma anche questo è stato impossibile da concretizzare. E così, annullati i live, ecco la notizia appena condivisa: La prima festa dell’amore si terrà il 15-16-18 aprile all’Arena Parco Nord di Bologna.

Ecco la notizia che non avrei mai voluto dare. Siamo costretti a spostare al 2022 il concerti di Bologna. Le nuove date sono 15-16-18 aprile, il weekend di pasqua. Prima di darvi dettagli per eventuali rimborsi lasciatemi spiegare una cosa. Sono davvero incazzato. Siamo stati presi in giro. Bloccati e impossibilitati a lavorare in un rimpallo di responsabilità fra politici e burocrati.

Tre date difficili, non sicuramente lontane da impegni o da festività come quelle inizialmente previste per il 1-2-3 ottobre 2021, come da piani iniziali. Poi il dj e producer continua:

Essenzialmente il decreto che rende possibile lo svolgimento degli spettacoli col pubblico in piedi e senza distanziamento non è scritto in modo chiaro ed è passabile di interpretazione. L’autorizzazione quindi deve passare per delle commissioni locali che al momento non ritengono opportuno concedere i permessi per questo tipo di concerti proprio perché il decreto non è chiaro. Un circolo vizioso infernale che ci ha fatto perdere tempo e energie. Una bella frittata tutta in salsa italiana. La serietà di tutto questo sistema si commenta da sola. Molti artisti stanno di nuovo spostando i tour in primavera e il disastro per il settore continua a protrarsi. Anzi: abbiamo raggiunto un livello di assurdità che supera tutti i mesi precedenti. Viene da pensare che sia stato fatto di proposito per bloccare il settore pur sbandierando le riaperture. Questo, cari giornalisti, dovreste raccontarlo per bene.

Infine le informazioni per come acquistare i biglietti o, eventualmente, chiedere il rimborso per quelli del mese di ottobre 2021:

Torniamo a noi: i biglietti già acquistati per le date originarie restano valide per le nuove rispettando il giorno della settimana (da venerdì 1/10 a venerdì 15/04, da sabato 2/10 a sabato 16/04, da domenica 3/10 a lunedì 18/04). Lunedì 18 l’evento inizierà prima e finirà prima. Chi non volesse o fosse impossibilitato a partecipare alle nuove date potrà fare richiesta di rimborso entro il 5 novembre. Nonostante fosse stato dichiarato il sold out per i concerti di venerdì e sabato essendo stati chiesti dei rimborsi (pochi, e vi ringraziamo tantissimo per questo ennesimo attestato di fiducia) siamo in grado di rimettere in vendita delle limitate disponibilità. Per qualsiasi ulteriore richiesta è a disposizione l’email [email protected]
Ah un’altra cosa: non starò a casa fino ad aprile. Presto vi comunicherò novità.
Vi voglio bene.