Bruce Springsteen, Only The Strong Survive è il nuovo album: tracklist e recensioni del disco

Bruce Springsteen, Only The Strong Survive: il nuovo disco disponibile dall’11 novembre 2022: tracklsit, canzoni e recensioni dell’album

Only The Strong Survive è il nuovo disco di Bruce Springsteen contenente 15 grandi successi soul reinterpretati. L’album è stato anticipato dal primo singolo estratto che ha raggiunto la Top 35 dell’Airplay radiofonico italiano “Di i love you (Indeed I Do)”, originariamente interpretato e scritto da Frank Wilson nel 1965. A seguire sono stati pubblicati anche i brani “Nightshift” e “Don’t Play That Song”.

Il disco celebra la musica e i leggendari cataloghi di Motown, Gamble and Huff e Stax con grandi successi che vanno al 1962 al 2000. Al suo interno, l’inconfondibile voce di Bruce Springsteen e i contributi musicali di The E Street Horns, gli arrangiamenti degli archi realizzati da Rob Mathes e i cori di Soozie Tyrell, Lisa Lowell, Michelle Moore, Curtis King Jr., Dennis Collins e Fonzi Thornton. Il brano “I Forgot to Be Your Lover” è arricchito dalla voce di Sam Moore. Queste le parole del cantante, nel parlare del progetto uscito l’11 novembre 2022:

“Volevo fare un album in cui cantare e basta. E quale musica migliore, per fare tutto questo, se non il repertorio americano degli anni sessanta e settanta? Ho preso ispirazione da Levi Stubbs, David Ruffin, Jimmy Ruffin, the Iceman Jerry Butler, Diana Ross, Dobie Gray, Scott Walker, tra gli altri. E ho provato a rendere giustizia a tutti loro e a tutti gli spettacolari autori di questa musica gloriosa. Il mio obiettivo è permettere al pubblico moderno di fare esperienza della bellezza e gioia di queste canzoni, così come ho fatto io fin dalla prima volta che le ho sentite. Spero che amiate ascoltarle tanto quanto ho amato io realizzarle”

Only The Strong Survive, tracklist e streaming

Questa la tracklist dell’album, accompagnato dallo streaming del disco:

1. Only the Strong Survive

2. Soul Days feat. Sam Moore

3. Nightshift

4. Do I Love You (Indeed I Do)

5. The Sun Ain’t Gonna Shine Anymore

6. Turn Back the Hands of Time

7. When She Was My Girl

8. Hey, Western Union Man

9. I Wish It Would Rain

10. Don’t Play That Song

11. Any Other Way

12. I Forgot to Be Your Lover feat. Sam Moore

13. 7 Rooms of Gloom

14. What Becomes of the Brokenhearted

15. Someday We’ll Be Together

Bruce Springsteen, Only The Strong Survive, Recensioni disco

Qui sotto le recensioni del nuovo disco di Bruce Springsteen:

Slant Magazine: Only the Strong Survive è una collezione sapientemente realizzata, ma un approccio più grezzo, con un suono più vicino nello stile alla Stax Records rispetto a Dionne Warwick e Phil Spector, avrebbe meglio onorato lo spirito del suo materiale sorgente.

All Music: È abbastanza divertente che ci voglia un minuto per rendersi conto che Springsteen e Aniello non stiano esattamente reinterpretando queste 15 canzoni: le stanno semplicemente suonando per scherzo. Questo è abbastanza per divertirsi, ma una volta che Only the Strong Survive svanisce con le ultime note di “Someday We’ll Be Together”, non c’è molto che si sofferma nella memoria.

The Observer (Uk): Springsteen sta guardando indietro a guardare indietro; nostalgia, al quadrato. Se c’è una critica da fare a questo sguazzare dal cuore grande, non è solo che l’umore qui è galvanizzante, piuttosto che qualcosa di più sottile o contuso.

Pitchfork: Ha carattere e, soprattutto, ha energia: Springsteen non ha mai suonato in modo così spensierato, così leggero, in un disco.

Under The Radar: Potrebbe non essere né un classico album di Springsteen né un album soul, e potrebbe essere semplicemente impossibile realizzare un disco davvero eccezionale con un concetto così familiare, ma almeno rappresenta un’appassionata lettera d’amore alle dolci canzoni soul che hanno contribuito a plasmare musica moderna e lo stesso Springsteen.

Rolling Stone: Anche se gli arrangiamenti a volte sembrano statici nella loro imitazione, la voce di Springsteen brilla e brilla.

Clash Music: Senza dubbio, “Only The Strong Survive” esemplifica l’incrollabile impegno di Springsteen per la musicalità e la produzione di prim’ordine.