Ephel Duath: "Through My Dog's Eyes" il nuovo album della band italiana riesce nella difficile impresa di...

ephelduathsc

Presentazione: "Through My Dog's Eyes" è il quarto disco in studio per la band padovana che ha scritto una bella pagina di storia della Musica italiana.

Giudizio complessivo: Tornando al titolo, "Through My Dog's Eyes" riesce nell' impresa di essere tutto sommato una delusione, ma allo stesso tempo probabilmente uno dei dischi più interessanti che usciranno dallo stivale durante tutto il 2009. C'è un netto cambiamento sonoro di fondo rispetto ai mezzi-capolavori (perchè questo sono) "The Painter's Palette" del 2003 e "Pain Necessary to Know" del 2005. Meno feroce, più articolato e pieno di sfumature che vanno dal prog al metal, "Through My Dog's Eyes" è primo passo falso della band. L'eccessiva brevità (mezz'ora), l'assenza del bassista e il concept un po' bislacco non aiutano. Presente in "Bark Loud", Ben Weinman dei Dillinger Escape Plan.

Lista tracce - Voto:

Gift - 7
Promenade - 6
Breed - 7
Silent Door - 5
Bella Morte - 5 (Peggior Traccia)

Nina - 8 (Miglior Traccia)
Guardian - 6
Spider Shaped Leaves - 7
Bark Loud - 7

Voto complessivo: 6,44

Confronto album precedenti :

E' peggiore di... "Phormula" del 2000
E' peggiore di... "The Painter's Palette" del 2003
E' peggiore di... "Pain Necessary to Know" del 2005

  • shares
  • Mail